alpadesa
  
domenica 17 novembre 2019
Flash news:   Maltempo, rimosse dai Vigili del Fuoco lamiere pericolanti dal tetto del campanile della chiesa di Santa Maria delle Grazie. Foto Natale 2019, aggiudicata la gara per le luminarie installate dal Comune ma i commercianti restano divisi. L’assessore Musto:«Uno sforzo non da poco per l’Amministrazione» Progetto “risanamento ambientale dei corpi iderici superficiali delle aree interne”, riunione all’Utc per gli interventi a contrada Fellitto e piazza Sparavigna Bando di vendita del Centro Servizi alle Pmi di Atripalda: lunedì la pubblicazione con prezzo a base d’asta di 2.715.000 euro Al via il cronoprogramma per l’accorpamento del mercato settimanale di Atripalda a parco delle Acacie: si assegnano le postazioni Ordigno bellico ritrovato ad Avellino: la bomba verrà fatta brillare in una cava di Atripalda L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi

Domani 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino

Pubblicato in data: 8/11/2019 alle ore:21:44 • Categoria: CulturaStampa Articolo

Il crollo di un muro ha rappresentato la fine di un’era. La fine della Guerra Fredda.Domani sono trent’anni dalla caduta del Muro di Berlino, il 9 novembre 1989. Quella sera nella DDR è in corso una conferenza stampa, mentre il regime vacilla e i cittadini da giorni occupano le piazze del Paese, premendo su quel muro perché cada una volta per tutte, il ministro della Propaganda Günter Schabowski, passa alla storia come “l’uomo che apre il muro”, con due parole divenute leggendarie “Ab sofort, da subito”, in risposta alle domande dell’ex corrispondente italiano dell’Ansa, Riccardo Ehrmann. E i berlinesi lo prendono in parola: decine di migliaia di persone si riversano immediatamente nei pressi del muro, dove le guardie di frontiera sono costrette ad aprire i punti di accesso, file di Trabant iniziano ad attraversare i varchi di Checkpoint Charlie e della Porta di Brandeburgo. È la fine della Guerra Fredda.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *