alpadesa
  
Flash news:   Manutenzione stradale e parcheggio via Gramsci, sbloccati i fondi dalla Giunta Spagnuolo Arriva la proroga ad Atripalda per la presentazione della domanda per l’accesso ai voucher alimentari Sorveglianza rafforzata: il prefetto Spena blinda Atripalda e Solofra dopo gli attentati intimidatori con le bombe carta Coronavirus, da lunedì 18 gennaio in presenza anche la terza classe della Primaria Attentato intimidatorio, pressing sul sindaco delle opposizioni. Landi: ”il tavolo in Prefettura doveva chiederlo lui” Bomba carta in città, Idea Atripalda: “cultura e comunicazione come antidoto alle violenze” Molestie al prete di Atripalda: condannati gli autori Nuovi parcometri ad Atripalda, l’opposizione “Noi Atripalda” boccia il bando: «un spreco per la città» Coronavirus, un nuovo contagio ad Atripalda Bomba carta alla Formaggeria, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo: “atto vile, bisogna lavorare in sinergia. L’Amministrazione dia vita ad iniziative culturali forti”

Le Sardine d’Irpinia in mille ad Avellino

Pubblicato in data: 2/12/2019 alle ore:09:02 • Categoria: Politica

In mille ad Avellino ieri sera per gridare “L’Irpinia non si Lega”. Le sardine si sono ritrovate in piazza Garibaldi per una festa pacifica, senza bandiere politiche, tra canti e cartelli. Si canta “Bella Ciao” e l’inno di Mameli. Claudio Petrozzelli, Mariachiara Nazzaro e Stefano Iannillo, i tre organizzatori dell’evento irpino che sta contagiando tutte le piazze d’Italia e partito da Bologna, si sono alternati al microfono per parlare alle mille sardine presenti nella piazza del capoluogo irpino. Gli slogan più diffusi: Avellino non si Lega e l’Irpinia non abbocca.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *