alpadesa
  
Flash news:   Buona affluenza per la prima Notte Bianca atripaldese in via Gramsci. FOTO Us Avellino, Aniello Martone è il nuovo Direttore Generale Us Avellino, trovato l’accordo: presidente Luigi Izzo e Nicola Circelli vice Le studentesse atripaldesi Silvia Minichini e Chiara Pierno premiate all’Università di Salerno Muore a 36 anni, addio ad Angelo De Angelis: Original Fans e Scandone in lutto Scompare tragicamente il dirigente del Fomez, professore e intellettuale Peppino Pennella L’Avellino batte 3-1 la Sicula Leonzio. Foto Quattro Notti Bianche ad Atripalda: si parte stasera da via Gramsci tra Villaggio di Babbo Natale, luci d’artista, musica live, street food e artisti di strada Danneggia il sensore dell’impianto di allarme di un negozio di elettronica, denunciato dai Carabinieri di Atripalda “Regalo un sorriso ad un bambino” per donare nuovi giocattoli ai più piccini di Atripalda meno fortunati

Le Sardine d’Irpinia in mille ad Avellino

Pubblicato in data: 2/12/2019 alle ore:09:02 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

In mille ad Avellino ieri sera per gridare “L’Irpinia non si Lega”. Le sardine si sono ritrovate in piazza Garibaldi per una festa pacifica, senza bandiere politiche, tra canti e cartelli. Si canta “Bella Ciao” e l’inno di Mameli. Claudio Petrozzelli, Mariachiara Nazzaro e Stefano Iannillo, i tre organizzatori dell’evento irpino che sta contagiando tutte le piazze d’Italia e partito da Bologna, si sono alternati al microfono per parlare alle mille sardine presenti nella piazza del capoluogo irpino. Gli slogan più diffusi: Avellino non si Lega e l’Irpinia non abbocca.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *