alpadesa
  
domenica 19 gennaio 2020
Flash news:   I residenti di Alvanite si incontrano per discutere sullo stato di fatto delle abitazioni e sul degrado della contrada di Atripalda Non si potrà più sostare di giorno e di notte in piazza Tempio Maggiore  ad Atripalda: firmata l’ordinanza del Comando di Polizia municipale Bertolo è un nuovo giocatore dell’Us Avellino “Guardando dentro e fuori di noi” il calendario testamento di Peppino Pennella La Co.Vi.So.C. sblocca il mercato dell’Avellino Calcio Truffa all’Inps, false assunzioni ed evasione: cinque arresti a Benevento. Indagati anche ad Atripalda Omicidio De Cristoforo, Luigi Viesto condannato a dieci anni di reclusione Inquinamento ad Atripalda, l’attivista del M5s Federico Giliberti chiede centraline fisse per monitorare la qualità dell’aria Dolore e lacrime nel giorno dell’addio al docente, scrittore e poeta Goffredo Napoletano Da domani attivi tre nuovi autovelox sul raccordo Avellino-Salerno: uno in territorio Atripalda

Scompare tragicamente il dirigente del Fomez, professore e intellettuale Peppino Pennella

Pubblicato in data: 9/12/2019 alle ore:07:30 • Categoria: CronacaStampa Articolo

E’ scomparso tragicamente seguendo la sua passione e il suo lavoro, quello di scrive libri sul funzionamento della pubblica amministrazione. Uno scatto fotografico a Bacoli, per catturare un’immagine da aggiungere alla pubblicazione alla quale stava lavorando da tempo, gli è costata la vita. Addio a Peppino Pennella, 71enne dirigente del Formez, professore all’Università di Salerno di gestione della pubblica amministrazione, intellettuale e artista. Pochi giorni fa si era recato a Bacoli per scattare alcune foto da allegare alla nuova pubblicazione. Si è arrampicato su un cancello ma quella salita gli è stata fatale. Ha perso all’improvviso l’equilibrio cadendo rovinosamente al suolo. Nella caduta si è trascinato con se una grande pietra in marmo, che delimitava la cancellata, che lo ha schiacciato. Non sono serviti a nulla i tempestivi soccorsi e il trasporto presso il nosocomio napoletano. Troppo ampio e diffuso l’ematoma e l’emorragia cerebrale alla testa. Un’agonia durata alcuni giorni, poi la scomparsa nella giornata di sabato. Ieri mattina i funerali nella Basilica di San Francesco da Paola  in piazza Plebiscito a Napoli. Poi la salma è stata tumulata nel cimitero di Atripalda.
Lo piangono la moglie Raffaella Festa, i figli Giovanna e Alfredo, la nuora Sara, il fratello Pasquale che ad Atripalda continua la tradizione familiare calzaturiera dal 1900.
Tra i suoi libri ricordiamo “Economia dell’amministrazione pubblica. Metodi e procedure” e “Il corpo burocratico-amministrativo. Blocco storico per la competitività del Paese” e altri di poesia. Forte il suo contributo per l’ammodernamento e la formazione della pubblica amministrazione. Il Formez, lo ricorda nella propria homepage con un lungo articolo: «E’ scomparso Peppino Pennella, una colonna del Formez, un dirigente e intellettuale che ha onorato dal 1974, anno in cui entrò nel Formez, la sede di Napoli e tutto l’Istituto. Alla sua famiglia si stringono commossi tutti i dipendenti del Formez» e poi un lungo e straziante ricordo della collega Valeria Spagnuolo: «Peppino aveva partecipato alla realizzazione della prima, importante ricerca sulla pubblica amministrazione italiana, la “Ricerca Giannini” e ne aveva ricavato una enorme quantità di stimoli per il suo lavoro e, soprattutto, la consapevolezza del rilievo che la pubblica amministrazione aveva per i cittadini e per il paese. E con questo afflato “etico” ha accolto un gruppo di  “giovani” arrivati alla sede di Napoli negli anni ‘80 e ci ha aiutato a crescere e ad amare il nostro lavoro, a interrogarci sul senso e sugli esiti del nostro lavoro a porci sempre nuovi obiettivi, per noi stessi e per la nostra organizzazione. Alle centinaia di giovani che hanno partecipato, a partire dalla fine degli anni 80 ai corsi di formazione post laurea che egli cocciutamente volle  promuovere, ha consentito di avere una esperienza di apprendimento unica che in moltissimi casi ha aperto la strada a brillanti carriere nella pubblica amministrazione e non solo».

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *