alpadesa
  
Flash news:   Francesca Aquino in una lettera racconta le difficoltà per la pandemia dopo l’apertura di un negozio ad Atripalda: «non rinuncio al sogno di fare l’imprenditrice» Spaccia di droga: 40enne di Atripalda dai domiciliari al carcere Tributi non pagati, il Comune di Atripalda si affida per la riscossione coattiva delle entrate tributarie e patrimoniali alla ditta esterna “Gamma Tributi Srl” Autovelox, il comune di Atripalda incassa nuove sconfitte dinanzi al Giudice di Pace di Avellino “25 novembre – giornata mondiale contro la violenza di genere”, l’appello dei Carabinieri: “trovare sempre il coraggio di denunciare” Coronavirus, 206 positivi riscontrati ad oggi ad Atripalda: comunicazione del sindaco Atripalda, scuole chiuse fino al 29 novembre: ecco l’ordinanza del sindaco Verifica e salvaguardia degli equilibri di Bilancio 2020.2022, lunedì 30 novembre torna il Consiglio comunale ad Atripalda Coronavirus, aggiornamento Asl: 148 i positivi in Irpinia, 5 a Atripalda Coronavirus: Atripalda piange la morte di Michele, volontario tra le macerie de L’Aquila

Furti in abitazioni ad Atripalda, dopo il Comitato in Prefettura parla il sindaco: «videosorveglianza collegata con la centrale dei Carabinieri, controllo di vicinato e incontri con i cittadini delle zone rurali»

Pubblicato in data: 27/12/2019 alle ore:10:00 • Categoria: Attualità

«Metteremo a sistema con la centrale operativa dei Carabinieri il nostro impianto di videosorveglianza che è già predisposto per la lettura delle targhe della auto e che come Amministrazione ne stiamo completando il riassetto che penso concluderemo nel mese di gennaio. Procederò inoltre ad estendere il controllo di vicinato avviando una serie di incontri con i cittadini che abitano nelle zone rurali per mettere in campo questo ulteriore strumento per aiutare le forze dell’ordine nel combattere il fenomeno dei furti».
A parlare è il sindaco di Atripalda Giuseppe Spagnuolo che questo pomeriggio informerà il Consiglio comunale sull’esito del Comitato per l’Ordine e la sicurezza Pubblica, tenutosi in Prefettura l’anti vigilia di Natale, e a cui ha preso parte insieme ai comuni della valle del Sabato «alla prima convocazione ho chiesto subito tramite pec di poter prendere parte alla riunione».
Prima dell’assise del parlamentino cittadino, prevista per le ore 18 (in discussione  4 punti all’ordine del giorno tra cui la revisione periodica delle partecipazioni possedute al 31 dicembre 2018 e l’individuazione delle partecipazioni da alienare  o valorizzare; approvazione delle modifiche statutarie del Consorzio degli Studi universitari Cirpu di cui il comune del Sabato detiene il 7,78% e le mozioni e interrogazioni) il primo cittadino avvierà una serie di incontri, il primo con l’associazione “La Verde Collina” che settimane fa, proprio a seguito della escalation di furti nelle contrade rurali cittadina, aveva chiesto che la videosorveglianza comunale venisse estesa anche nelle zone periferiche.  All’associazione il sindaco Spagnuolo, così come in Consiglio comunale, relazionerà sull’esito della riunione in Prefettura.
«All’incontro in Prefettura con i comuni della parte alta della Valle del Sabato, da Atripalda fino a tutto il serinese, abbiamo rappresentato tutti insieme la stessa problematica che sta interessando i nostri cittadini, quella dei furti in abitazioni private e abbiamo verificato che è un fenomeno che ha le stesse caratteristiche su tutto il territorio andando a colpire abitazioni in zone rurali e isolate, in orari non notturni, ma preferibilmente nel tardo pomeriggio e la sera – spiega Spagnuolo -. Abbiamo rappresentato la forte preoccupazione e l’allarme dei cittadini. Ci siamo scambiati molte informazioni e verificato che c’è una certa analogia tra quello che sta succedendo e abbiamo fatto il punto della situazione su come migliorare le misure di deterrenza e di contrasto a questi episodi criminosi cercando di aumentare la collaborazione tra le varie istituzioni. Il problema è che il territorio interessato è molto esteso». Non solo una maggiore presenza di forze dell’ordine nelle zone maggiormente a rischio «come elemento tranquillizzante per i nostri cittadini ma punteremo sull’estensione del protocollo di controllo del vicinato. Come Atripalda l’avevamo già fatto per alcune zone più urbane che avevamo necessità di tenere sotto controllo. Adesso lo estenderemo alle zone rurali come Cerzete, San Gregorio, via Serino e altre. Faremo degli incontri con i cittadini, e questo pomeriggio avrò il primo con l’associazione “La Verde Collina” per mettere in piedi questo strumento a cui le forze dell’ordine danno molto importanza soprattutto per la riduzione dei tempi di intervento delle pattuglie, facendo sentire i cittadini coinvolti e quali sono le prime misure da mettere in campo qualora dovessero trovare delle presenze equivoche o che destano sospetto».  Inoltre la videosorveglianza sarà messa in rete con quella del comando operativo dei Carabinieri «di tutti i comuni, con un controllo a maglie più larghe in modo da avere sotto controllo tutte le vie d’accesso alle zone interessate. Una forma di collaborazione sovra-comunale con una cabina di coordinamento delle forze dell’ordine. Inoltre a chi ha dei sistemi di allarme privato per le proprie abitazioni si consiglia di dotarsi di un collegamento diretto con il 112, un collegamento gratuito che consente alle forze dell’ordine un intervento molto più diretto e rapido con migliore probabilità di successo».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *