alpadesa
  
Flash news:   Torna nella chiesa la tela offerta in dono nuziale. Foto “Verità per Giulio Regeni”: a quattro anni dalla scomparsa restano ancora ombre Pista di pattinaggio per il Natale ad Atripalda, dopo le polemiche sui social per il contributo del Comune il gestore Sergio Argenio si difende La Scandone Avellino battuta da Citysightseeing Palestrina per 57-60 Tributi, il Comune di Atripalda “citofona” agli evasori e morosi: approvati i ruoli per il recupero di Imu, Tasi e Tari Alvanite, lite tra vicini: assolti dall’accusa di lesioni aggravate alla testa con fornetto a microonde e percosse Alberto Alvino dona alla chiesa di Santa Lucia di Serino il quadro nel ricordo di don Antonio Pelosi Comprensivo di Atripalda, oggi e domani si vota per eleggere la componente genitori e il nuovo presidente del Consiglio d’Istituto Il Comune di Atripalda incassa tre finanziamenti per lavori di sistemazione idrogeologica del territorio Avellino, arriva il portiere Andrea Dini

“Cantata anarchica per Fabrizio De André”, in tanti a sfidare il freddo ieri sera ad Atripalda. Foto

Pubblicato in data: 12/1/2020 alle ore:20:06 • Categoria: CulturaStampa Articolo

“Cantata anarchica per Fabrizio De Andrè” in tanti si sono radunati ieri sera ad Atripalda, dinanzi la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire, in piazza Di Donato, sfidando il freddo, per dedicare un omaggio al cantautore genovese nel giorno dell’anniversario della sua morte. L’iniziativa si è svolta in varie città d’Italia. I partecipanti, con strumenti musicali alla mano, hanno intonato, per la prima ad Atripalda, tutti insieme le canzoni del cantautore genovese. Tra gli organizzatori il giovane farmacista Carmine Capozzi, che su Facebook, ha postato dopo l’evento: “Cala il sipario su questa prima cantata anarchica. Penso che il nostro omaggio sia riuscito. Un centinaio di persone, molte giunte anche dai dintorni, a cantare Faber per oltre tre ore a metà Gennaio, non a Genova o a Torino, ma in un ‘paesello’ (cit.) come Atripalda, sono un risultato straordinario, che dimostra come davvero Fabrizio De Andrè sia nel cuore di tanti. È stata una bella serata conviviale, così come l’avevo immaginata, resa possibile dalla bravura di Antonio Foschi e Angelo Aversa e all’impegno dell’encomiabile Luca Giovino e del mio omonimo cugino Carmine Capozzi dietro le quinte. Grazie anche a don Fabio Mauriello, un parroco talmente avanti che sembra venuto dal futuro. È stato bello, sono contento”.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *