alpadesa
  
Flash news:   “Rossi-Doria, il riformatore che amava l’Irpinia”, il ricordo di Luigi Caputo del grande meridionalista Ciclismo, l’A.S.Civitas presenta il veterano Michele Venezia Lavori alla Biblioteca comunale e contrada Fellitto, si ampliano i cantieri ad Atripalda. Foto Coronavirus, nessun caso in Irpinia su 299 tamponi effettuati Coronavirus, quasi raddoppiati i guariti e le vittime in un giorno sono solo 78 Così non va – una fioriera cementata e vuota al posto di un paletto dissuasore in via Appia. Foto Istituto Comprensivo di Atripalda di nuovo nella bufera, la componente genitori scrive al Ds per criticare la Dad e all’Amministrazione: «Chiediamo di assumere le posizioni dovute al ripristino degli equilibri» Coronavirus, un caso a San Potito: 4 in Irpinia. I contagiati salgono a 536 Coronavirus, la Regione rinnova l’invito: “No assembramenti, il virus è ancora presente” Coronavirus, 92 le vittime registrate in un giorno e solo 300 nuovi positivi

Raccolta rifiuti tra proteste e polemiche sui social, il delegato all’Ambiente Costantino Pesca: «C’è bisogno di una sterzata, basta carrellati in strada. Azioni per superare il 65%»

Pubblicato in data: 12/1/2020 alle ore:13:37 • Categoria: Attualità

«E’ evidente che il sistema di raccolta di rifiuti meriterebbe una sterzata ad iniziare dal fatto che in certe aree i carrellati non possono stare sulla strada ma all’interno dei condomini così come dovrebbe già essere. Le azioni ora dovranno essere rivolte ad un netto miglioramento che deve portarci al superamento del 65% di raccolta differenziata». A parlare è il delegato all’Ambiente Costantino Pesca che interviene dopo le polemiche dei giorni scorsi, soprattutto sui social, per la raccolta dei rifiuti che in città è ripresa a rilento dopo la lunga pausa natalizia.
A denunciare la situazione era stato l’ex sindaco di Atripalda, Paolo Spagnuolo, che sul proprio profilo di Facebook, aveva scritto un breve post, corredato da foto, con il quale evidenziava alcune strade del centro città lasciate tra cumuli di rifiuti: «Peccato che l’Epifania porta via solo le feste» aveva scritto l’ex primo cittadino. Cumuli di spazzatura che per diversi giorni hanno dato vita a piccole discariche a cielo aperto in vari punti della città. E sui social sono montate subito le proteste. Sulla problematica il delegato all’Ambiente Costantino Pesca spiega: «Sono stati molti i cittadini che mi hanno contattato durante le feste così come sono stato informato delle discussioni che sono avvenute sui social negli ultimi giorni – spiega -. La prima cosa che mi sta a cuore è quella di rasserenare i cittadini sul fatto che l’attenzione da parte dell’Amministrazione sul tema dei rifiuti è sempre alta e quotidiani sono i rapporti con la società Irpiniambiente per provare a risolvere le criticità presenti. Anche durante le festività ci sono stati diversi contatti con la stessa società che era a conoscenza degli effetti che si sarebbero generati con la mancata raccolta della plastica e della carta e cartone, ma problemi di natura aziendale le hanno impedito di effettuare il servizio ad Atripalda così come in tutti gli altri comuni, con la sola eccezione del comune di Avellino, e in continuità con gli altri anni così come possono testimoniare i vari articoli degli anni addietro». Il delegato spiega anche gli interventi effettuati: «La raccolta che è stata effettuata invece il giorno tre gennaio non è stata una giornata di recupero, ma è stata semplicemente tolta la plastica che già era stata sversata in modo non conforme da parte di alcuni utenti e che in qualche modo hanno costituito un problema di decoro urbano, altrimenti ci sarebbe stata una pronta comunicazione sia da parte dell’azienda che effettua il servizio che del comune». Sulla questione carrellati invece il delegato chiarisce: «Purtroppo ci rendiamo conto che non tutti i condomini riescono a tenere tutti i carrellati all’interno per motivi di natura logistica. Per questo a breve avremo un incontro con i nuovi vertici di Irpiniambiente per provare a risolvere questo problema che attiene sia al corretto conferimento che al decoro urbano della città e dare le giuste risposte ai cittadini».Ma il delegato preannuncia anche maggiori controlli: «Il tutto naturalmente dovrà essere accompagnato da un servizio di controllo e vigilanza più efficace da parte degli organi competenti perché le regole sono il sale del vivere comune e quindi vanno rispettate. Infine, mi preme sottolineare che così come emerge dai primi dati la raccolta differenziata non ha subito nessun calo nel corso dell’ultimo anno, anzi sembrerebbe che sia lievemente aumentata la percentuale. Aver invertito un trend negativo che dura da diversi anni è certamente una buona notizia e il merito va senz’altro alla città».

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Coronavirus, nessun caso in Irpinia su 299 tamponi effettuati

L’ASL di Avellino comunica che, su 299 tamponi analizzati dall’AORN “Moscati” di Avellino, dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, dall’Istituto di Read more

Coronavirus, quasi raddoppiati i guariti e le vittime in un giorno sono solo 78

Coronavirus, quasi raddoppiati i guariti e le vittime in un giorno sono solo 78. È questo il dato più importante Read more

Istituto Comprensivo di Atripalda di nuovo nella bufera, la componente genitori scrive al Ds per criticare la Dad e all’Amministrazione: «Chiediamo di assumere le posizioni dovute al ripristino degli equilibri»

Nuove polemiche si addensano sull’Istituto Comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda. Una doppia missiva, dai toni forti e critici, sottoscritta da Read more

Coronavirus, un caso a San Potito: 4 in Irpinia. I contagiati salgono a 536

L’ASL di Avellino comunica che, su 604 tamponi analizzati dall’AORN “Moscati” di Avellino, dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, dall’Istituto di Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *