alpadesa
  
Flash news:   Torna nella chiesa la tela offerta in dono nuziale. Foto “Verità per Giulio Regeni”: a quattro anni dalla scomparsa restano ancora ombre Pista di pattinaggio per il Natale ad Atripalda, dopo le polemiche sui social per il contributo del Comune il gestore Sergio Argenio si difende La Scandone Avellino battuta da Citysightseeing Palestrina per 57-60 Tributi, il Comune di Atripalda “citofona” agli evasori e morosi: approvati i ruoli per il recupero di Imu, Tasi e Tari Alvanite, lite tra vicini: assolti dall’accusa di lesioni aggravate alla testa con fornetto a microonde e percosse Alberto Alvino dona alla chiesa di Santa Lucia di Serino il quadro nel ricordo di don Antonio Pelosi Comprensivo di Atripalda, oggi e domani si vota per eleggere la componente genitori e il nuovo presidente del Consiglio d’Istituto Il Comune di Atripalda incassa tre finanziamenti per lavori di sistemazione idrogeologica del territorio Avellino, arriva il portiere Andrea Dini

Stop alle vittorie consecutive, pari 1-1 con la Vibonese

Pubblicato in data: 13/1/2020 alle ore:11:15 • Categoria: Avellino CalcioStampa Articolo

Si chiude sull’1-1 il match al Partenio-Lombardi tra Avellino e Vibonese. A segno per primi i calabresi con un gol di Petermann al 19′, poi la squadra di Capuano pareggia al 47′ con un bel gol Parisi. È il primo risultato del nuovo anno che si chiude in parità dopo quattro vittorie consecutive per i biancoverdi che prendono anche due legni. A fine gara, il mister, espulso per proteste, commenta così: «Ho visto un grandissimo Avellino, nonostante le assenze note e quelle arrivate a gara in corso. Abbiamo colpito due legni, ci sono tanti episodi che solo l’arbitro può valutare, uno su tutti il fallo su Di Paolantonio dove il calciatore avversario meritava quanto meno il giallo. Da quando sono ad Avellino penso che la sfiga mi perseguiti. Eravamo stremati, non avevamo cambi, siamo andati oltre la fatica e forse il rammarico più grande è il colpo di testa sciupato da Micovschi nel secondo tempo. Questi ragazzi hanno fame, volevano vincerla a tutti i costi». Su Parisi: «Non lo venderei mai. E’ come l’oro, aumenta di giorno in giorno». Infine sull’espulsione: «Ho semplicemente detto che era il terzo rigore che non ci veniva assegnato. L’assistente mi ha richiamato, ma l’arbitro non era di questo avviso e ha preferito cacciarmi».

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *