alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, i positivi in Campania sono 3.344 Coronavirus, trend costante in discesa in Irpinia: 1 solo caso oggi, a Teora. I contagiati sono 374 All’Azienda “Moscati” un container speciale per la sicurezza degli operatori del 118 dell’Asl e una nuova Tac per le attività nella Palazzina Alpi Coronavirus, scende il numero di morti: 542 rispetto a ieri Coronavirus, guarita e dimessa la prima contagiata di Atripalda Coronavirus, il gruppo consiliare “Noi Atripalda”: “chiarezza sulla distribuzione dei pacchi alimentari” Ciclismo, un altro pupillo doc dell’A.S.Civitas-ProfumeriaLucia: Carmine Iantosca Coronavirus, consegnati i primi kit per la diagnosi veloce del virus. Il medico Gerardo Piscopo: “primo screening sulle persone più esposte”. FOTO Addio a Maurizio Zito, tra gli architetti più creativi della Campania Coronavirus, in Campania sono 120 i positivi oggi: i tamponi sono stati 2.005. In totale i contagiati sono 3.268

“Guardando dentro e fuori di noi” il calendario testamento di Peppino Pennella

Pubblicato in data: 17/1/2020 alle ore:10:00 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

Un calendario come testamento del suo ultimo progetto editoriale a cui stava lavorando prima della sua tragica scomparsa. E’ stato pubblicato dalla famiglia, in memoria, l’annuario del professore Peppino Pennella, morto a 71 anni prima di Natale seguendo la passione di scrivere libri. Uno scatto fotografico a Bacoli, per catturare un’immagine da aggiungere al suo volume fotografico che oggi trova pubblicazione, gli era costato la vita. L’alto dirigente del Formez, professore all’Università di Salerno di gestione della pubblica amministrazione, intellettuale, artista e fotografo si era recato a Bacoli per scattare alcune foto da allegare a questa pubblicazione. Nell’arrampicarsi su un cancello, all’improvviso ha perso l’equilibrio, cadendo rovinosamente al suolo e trascinandosi con se una grande pietra in marmo che lo ha schiacciato sottraendolo per sempre ai suoi affetti, ai suoi cari e alle sue passioni. E i familiari hanno deciso di pubblicare quell’ultimo progetto dal titolo “Guardiamo dentro e fuori di noi”.
«Le foto sono un modo per possedere le immagini che appartengono al mondo – scriveva nella prefazione prima di morire –. Incorporano, parole, dialoghi, idee, sentimenti, passioni, tensioni, felicità, dolori etc. Il calendario ha il solo scopo di offrire conoscenze approfondite su un gruppo di persone che non si conoscono e forse, mai si conosceranno. Aggiungo un tassello al mio complesso lavoro che da circa 10 anni mi vede impegnato nelle arti figurative, rivolto a creare un confine tra il mio io e il mondo che mi circonda, guardandolo non solo con i miei occhi e la mia sensibilità, ma avvalendomi anche degli occhi e della sensibilità delle persone a me vicine».
Dodici mesi racchiusi in 350 foto provenienti dall’Italia, Olanda, Irlanda, California, Grecia, Turchia e Spagna precedute da una breve nota introduttiva. Gennaio è dedicato agli animali, con fotografie di cani, amici dell’uomo per antonomasia. A Febbraio spazio all’arte con scorci, monumenti e panorami d’arte antica  e moderna. La comunità e il bisogno di stare insieme è invece il filo conduttore del mese di Marzo. Aprile invece nel segno della gioventù, foto di giovani artisti e sportivi. Maggio è il mare «con i suoi colori e i suoi mille aspetti» mentre dedica Giugno alle nature morte. L’estate di Luglio invece è raffigurata da foto di ombrelloni in spiaggia con il mese di Agosto attraversato, come in un viaggio, dal tema dei paesaggi marini. Settembre invece ai ritratti «un termine desueto – scrive Pennella – perché sostituito dal moderno selfie». Poi Ottobre con le foto speculari, Novembre con i tramonti «momento del nostro giorno e della nostra vita» e infine Dicembre dedicato ai colori del mondo vegetale.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *