domenica 25 luglio 2021
Flash news:   Coronavirus, torna il contagio ad Atripalda: un residente positivo Ripulita la fontana in piazza Umberto e rimesso in funzione l’impianto di irrigazione. Foto Taglio del nastro ieri sera del “Parco Elio Parziale”, il dottor Sabino Aquino: «uno spazio di aggregazione, oasi di divertimento e interazione». L’impegno del vicesindaco Anna Nazzaro:«Auspico entro l’anno di intitolare l’Istituto comprensivo a lui». Foto Il prefetto e la dirigente regionale della Protezione civile premiano i volontari. Spena: «in una comunità bisogna essere coesi e guardare ai più fragili». Foto Dolore e commozione nella chiesa madre di Atripalda ai funerali di Gennaro Marena. Foto Addio a Gennaro Marena, lettera del comitato festa San Sabino: “la città di Atripalda perde un pezzo della sua storia” Sabato i biancoverdi partiranno per il ritiro di Roccaraso «Parco Elio Parziale», stasera l’inaugurazione dell’area a verde dedicata al compianto direttore: sarà aperto alle associazioni. FOTO Coronavirus, il prefetto Spena ad Atripalda per la consegna di civiche benemerenze ai volontari impegnati nella pandemia Istituto Comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda, dal primo settembre la nuova dirigente scolastica è Antonella Ambrosone

Accensione falò di San Sabino, l’Amministrazione fissa l’ordinanza e pubblica la modulistica da presentare entro sabato: distribuite fascine e bracieri

Pubblicato in data: 30/1/2020 alle ore:07:00 • Categoria: Attualità, Comune

Accensione dei Falò di San Sabino, l’Amministrazione fissa l’ordinanza e pubblica la modulistica da presentare entro sabato allo Sportello Unico Attività Produttive (Suap) del Comune e assicura la distribuzione di fascine e bracieri.
La documentazione per la richiesta, scaricabile dalla homepage sito internet del Comune, è necessaria per l’ottenimento dell’autorizzazione al fine di consentire agli uffici preposti la predisposizione delle necessarie autorizzazioni e adempimenti in materia.
Una procedura per garantire il prosieguo del tradizionale appuntamento dell’accensione dei “focaroni”  in onore del Santo Patrono dopo le polemiche degli anni passati legati all’inasprimento della normativa sulla combustione di materiali da ardere.
Adempimenti semplificati con la consegna di legna e bracieri da utilizzare per agevolare una tradizione secolare, quella dell’accensione serale dell’otto febbraio in onore di San Sabino, vescovo di Abellinum e patrono della città.
«Tutti coloro che sono interessati devono presentare un’unica dichiarazione  e compilare la Scia attenendosi a quanto fissato – spiega l’assessore delegato alle Attività Produttive, Mirko Musto – . E’ prevista, come per gli anni passati, la distribuzione gratuita dei bracieri e delle fascine che serviranno per l’accensione dei falò. Come Amministrazione ci interesseremo non solo per al consegna delle fascine e dei bracieri per le diverse contrade, ma anche per la pulizia e smaltimento successivo delle ceneri. Con questa operazione  faremo in modo che le persone siano più predisposte a realizzare i falò. Questo è possibile in collaborazione con la delegata agli Eventi Antonella Gambale e la delegata al Verde Anna De Venezia».
Un avviso per disciplinare il corretto svolgimento dell’accensione dei falò in aree pubbliche e private, per il rispetto dell’ambiente e la sicurezza dei tanti cittadini atripaldesi che prendono parte al momento di magia e di festa, simbolo della devozione popolare e religiosa al Santo Patrono. Per ogni focarone ci sarà un responsabile
L’avviso è a firma del sindaco Giuseppe Spagnuolo, dell’assessore alle Attività produttive Mirko Musto e del comandante della Polizia Municipale Domenico Giannetta. L’Ente prevede: «al fine di agevolare il prosieguo di una secolare tradizione, in relazione alle istanze dei cittadini per l’accensione dei falò sul territorio comunale prevede: una sola registrazione sanitaria per i luoghi in cui gli organizzatori vogliano effettuare anche la somministrazione di alimenti e bevande nel rispetto della normativa igienico-sanitaria, una sola licenza di polizia per l’accensione dei falò ai sensi dell’art. 57 del Tulps in uno alla eventuale e solo musica di allietamento della serata».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *