alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, i positivi in Campania salgono a 3.442 Coronavirus, sono 21 i casi positivi di oggi in provincia. Sale a 394 il numero di contagiati Coronavirus, i medici del Moscati in videoconferenza con un ospedale di Wuhan per confronto sui protocolli di cura Coronavirus, negozi e supermercati chiusi a Pasqua e Pasquetta in Campania Coronavirus, i morti salgano a oltre 18mila in Italia dall’inizio della pandemia: oggi altri 610 deceduti Coronavirus, Carabinieri donano uova pasquali ai bambini ricoverati al Moscati Coronavirus, Poste Italiane e l’Arma dei Carabinieri insieme per consegnare la pensione agli anziani a domicilio Coronavirus, i positivi in Campania sono 3.344 Fipav, conclusa l’attività sportiva per la stagione 2019-2020: nessun scudetto né promozioni e retrocessioni Coronavirus, trend costante in discesa in Irpinia: 1 solo caso oggi, a Teora. I contagiati sono 374

Candelora 2020, oltre 5mila fedeli al Santuario di Mamma Schiavona. Fotoservizio

Pubblicato in data: 4/2/2020 alle ore:19:22 • Categoria: CulturaStampa Articolo

Oltre cinquemila fedeli domenica a Montevergine per la Candelora del 02/02/2020. Lunghe file si sono registrate nella mattinata per recarsi presso il Santuario di Mamma Schiavona nel piazzale della Funicolare di Mercogliano e ad Ospedaletto d’Alpinolo da dove partivano invece le navette per portare i fedeli a pregare al Santuario. Non poteva mancare Marcello Colasurdo. Fuori dal Santuario si è cantato e ballato con le tammorre, come l’associazione “La Barca di Teseo” da Caserta per ringraziare Mamma Schiavona e ricordare la leggenda secondo la quale nel 1256 la Madonna di Montevergine avrebbe miracolosamente liberato due amanti omosessuali, legati a un albero tra lastre di ghiaccio. Il giorno dell’intervento prodigioso sarebbe stato appunto un 2 febbraio (foto Pro Loco Mercogliano). Una festa dell’amore, dell’inclusione, della fratellanza. Decine e decine i pullman giunti da tutta la Campania, ma anche da Puglia e Basilicata. Ben 2500, contando i ticket, i pellegrini e i curiosi che hanno raggiunto il santuario con la funicolare di Mercogliano, ma si arriva al doppio contando chi ha scelto di avventurarsi a piedi lungo i sentieri interni per raggiungere l’altare della Madonna nera e utilizzando le navette.
Tammorre e campagnole, paranze e preghiere ad accompagnare come sempre, tra sacro e profano, una festa che unisce la devozione religiosa a messaggi di solidarietà e uguaglianza in cui non c’è spazio per discriminazioni di nessun genere, in particolare nei confronti della comunità lgbt. È la festa dei «femmenielli», così vuole il mito secondo cui nel 1200 due giovani amanti omosessuali destinati a morte certa furono salvati dall’abbraccio caldo di Mamma Schiavona. «È a lei che chiediamo amore e pace, di estirpare la cultura dell’odio che oggi si abbatte su tutti, transessuali, migranti, adesso finanche sulle persone cinesi per via del Coronavirus», dice Loredana Rossi, vicepresidente di «Associazione Transessuale Napoli».
Soddisfatto per la riuscita dell’evento il direttore artistico Massimo Saveriano: «Siamo orgogliosi della partecipazione. In questa edizione abbiamo affrontato il tema del bullismo e della violenza omofobica, un messaggio molto forte proprio come l’esempio di Mamma Schiavona che insegna che ognuno di noi ha il diritto di pregare e vivere come vuole. C’è ancora da lottare, soprattutto nelle piccole province. A Mercogliano abbiamo illuminato la piazza con i colori dell’arcobaleno ed è stato davvero emozionante vedere tante persone fermarsi, unirsi a noi, essere al nostro fianco. È questo che fa la forza».
Alla sua prima Candelora da sindaco Vittorio D’Alessio, che parla di diecimila presenze: «Mercogliano è il paese dell’accoglienza e del rispetto, schierato contro ogni forma di discriminazione. La nostra è la cultura del rispetto e dell’accoglienza».

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 4,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Candelora 2020, oltre 5mila fedeli al Santuario di Mamma Schiavona. Fotoservizio”

  1. 3 ha detto:

    E’ 1 BELLEZZZZA IL SANTUARIO DELLA madonna NEGRA, SI TROVANO PERFINO LE POSTAZIONI DOTATE DI TELEFONO MULTILINGUE ONDE SAPERNE LA STORIA DI ELLO..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *