alpadesa
  
domenica 05 aprile 2020
Flash news:   Settimana Santa, il messaggio dell’Abate Riccardo Guariglia: “Separati ma uniti nella preghiera. Bisogna ritornare alle cose importanti della vita” Coronavirus, in Campania salgono a 2.960 i positivi Coronavirus, voucher comunali per l’acquisto di beni alimentari di prima necessità. L’assessore Nancy Palladino in video: “domanda da presentare entro mercoledì prossimo” Coronavirus, 4 i casi in provincia oggi, primo ad Ospedaletto. I contagiati salgono a 352 Coronavirus, un supermercato dona alimenti alla Protezione civile di Atripalda. Foto Coronavirus, ancora 681 morti: in totale sono 15.362 in Italia Coronavirus, la proposta di Confcommercio: hotel per convalescenza a disposizione Coronavirus, “test rapidi” su personale e pazienti del P.O. di Ariano e del P.O. di Sant’Angelo dei Lombardi Coronavirus, altri 19 casi in Irpinia. I contagiati salgono a 348 Coronavirus, altri 151 positivi in Campania: il totale dei contagiati sale a 2.828

Lunedì crocevia per la tenuta del bilancio comunale di Atripalda: maxi debito in Consiglio con il piano di rateazione

Pubblicato in data: 21/2/2020 alle ore:08:30 • Categoria: Attualità, PoliticaStampa Articolo

Lunedì crocevia per la tenuta del bilancio comunale di Atripalda. Nello stesso giorno ci sarà Consiglio comunale straordinario per il riconoscimento del debito fuori bilancio da oltre un milione di euro legato alla costruzione dell’ex Centro alle Pmi di via San Lorenzo che torna di nuovo all’asta, l’approvazione del piano di rateizzazione del debito in tre anni e il secondo tentativo di vendita dei box artigianali.
Il sindaco Giuseppe Spagnuolo ha infatti convocato, in seduta straordinaria, alle ore 19.00, il parlamentino cittadino. Tra i tre punti all’ordine del giorno quello più importante (l’altro è il Regolamento delle misure preventive per sostenere il contrasto dell’evasione e morosità dei tributi locali) è certamente la discussione sul debito fuori bilancio per far approvare all’aula il piano di rateizzazione triennale. Nella stessa giornata di lunedì l’immobile di via San Lorenzo andrà di nuovo all’asta, la terza volta dopo le prime andate deserte con la pubblicazione del nuovo bando, e infine si saprà se sono stati venduti anche i box artigianali di via San Lorenzo.
La Giunta comunale, poche settimane fa, ha approvato la proposta di rateizzazione del pagamento di una prima parte del debito, pari a 600mila euro, maturato a seguito della sentenza emessa dalla Corte d’Appello di Napoli, a favore della famiglia Gengaro, Luisiamaria e Adriana, difese dagli avvocati Antonio e Caterina Barra, per l’esproprio dei terreni siti in località via San Lorenzo utilizzati dall’Ente di Piazza Municipio per realizzarvi il Centro Pmi. Con ordinanza n.1941 del 04/07/2019 la stessa Corte di Appello di Napoli sospendeva l’efficacia esecutiva della sentenza n.4266/2018 nella parte eccedente l’importo di 600mila euro. A seguito di un’articolata trattativa tra Comune e famiglia Gengaro sulle modalità di pagamento del debito, l’avvocato Antonio Barra, con nota dello scorso 29 gennaio, ha dichiarato la disponibilità delle signore Gengaro ad accettare il pagamento della somma complessiva di 600mila euro così ripartito. Due rate per il 2020, la prima di 150mila euro entro il 3 aprile e 50mila euro entro il 31 luglio. Per il 2021 invece la somma di 150mila euro entro il 28 febbraio  e 50mila euro entro il 31 luglio del 2021. Infine per l’anno 2022 i restanti 150mila euro entro il 28 febbraio e 50mila euro entro il 31 luglio. E sempre lunedì verrà pubblicato il nuovo bando per procedere al terzo esperimento di gara di vendita del Centro Pmi con prezzo a base d’asta di due milioni e 443.500mila euro. Le offerte potranno essere presentate entro il 30 marzo, mentre il giorno successivo ci sarà l’apertura delle buste. Infine lunedì scade il termine ultimo per la presentazione delle offerte per il secondo esperimento di vendita dei cinque box artigianali sempre di via San Lorenzo. Gli acquirenti godranno di uno “sconto”del 10% sul prezzo a base d’asta che è sceso a 46.018,13 euro per ogni singolo box. L’asta con apertura buste è fissata per il giorno dopo,  25 febbraio.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *