alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, i positivi in Campania salgono a 3.442 Coronavirus, sono 21 i casi positivi di oggi in provincia. Sale a 394 il numero di contagiati Coronavirus, i medici del Moscati in videoconferenza con un ospedale di Wuhan per confronto sui protocolli di cura Coronavirus, negozi e supermercati chiusi a Pasqua e Pasquetta in Campania Coronavirus, i morti salgano a oltre 18mila in Italia dall’inizio della pandemia: oggi altri 610 deceduti Coronavirus, Carabinieri donano uova pasquali ai bambini ricoverati al Moscati Coronavirus, Poste Italiane e l’Arma dei Carabinieri insieme per consegnare la pensione agli anziani a domicilio Coronavirus, i positivi in Campania sono 3.344 Fipav, conclusa l’attività sportiva per la stagione 2019-2020: nessun scudetto né promozioni e retrocessioni Coronavirus, trend costante in discesa in Irpinia: 1 solo caso oggi, a Teora. I contagiati sono 374

Inchiesta scuole, al via l’incidente probatorio con il Ctu nominato dal Gip per verifiche di vulnerabilità sismica sull'”Adamo” e “Masi”. Il sindaco: “attendiamo serenamente che si facciano queste ulteriori valutazioni”

Pubblicato in data: 25/2/2020 alle ore:11:00 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Ha preso il via ieri mattina l’incidente probatorio sull’inchiesta aperta dalla Procura di Avellino per la sicurezza di due plessi scolastici di Atripalda. Ieri mattina il Ctu nominato dal Giudice per le indagini preliminari dottoressa Francesca Spella, l’ingegnere Agostino Goretti di Roma, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Protezione civile, ha effettuato un primo sopralluogo per procedere ad una nuova perizia tecnica sulla sicurezza della scuola media “Masi” e della scuola dell’Infanzia “Adamo” a seguito dell’inchiesta aperta dalla Procura diretta dal dottor Cantelmo. L’ingegnere avrà sessanta giorni di tempo per depositare la relazione tecnica, salvo richieste di ulteriori proroghe.
Alle prime operazioni peritali di ieri, con acquisizione di documenti e un primo sopralluogo presso le due scuole interessate, durato oltre quattro ore, hanno preso parte il consulente tecnico della Procura, ingegnere Saviano, i quattro interessati dall’avviso di garanzia con il sindaco Giuseppe Spagnuolo, il consigliere delegato ai Lavori Pubblici Salvatore Antonacci e di due tecnici dell’Utc del comune del Sabato, il responsabile del Settore Lavori pubblici, geometra Felice de Cicco e il responsabile del Settore Manutenzione, geometra Alfredo Berardino, che avevano sottoscritto le certificazioni di idoneità dei plessi scolastici sulla scorta della perizia redatta dai docenti del Dipartimento di Ingegneria dell’Università del Sannio. Con loro anche il consulente tecnico del comune, l’ingegnere Bruno Calderoni.
«Stamattina (ieri ndr.) hanno preso il via le operazioni peritali del tecnico nominato dal Gip che ha avviato l’incidente probatorio – spiega il sindaco Giuseppe Spagnuolo – con acquisizione di documenti e un primo sopralluogo presso le due scuole. Siamo sereni rispetto alle attività messe in campo da chi ha effettuato le verifiche, come l’Università del Sannio, e per la scuola Adamo con il progetto Psc che rappresenta un’ulteriore verifica di vulnerabilità con maggiori livelli di approfondimento che ci hanno garantito l’idoneità statica delle strutture. Sulle base di questo serenamente attendiamo che si facciano queste ulteriori valutazioni da parte del tecnico incaricato, come disposto dal Giudice».
L’ipotesi di reato formulata dalla Procura riguarda l’omissione in atti d’ufficio. Sia il primo cittadino che il delegato ai lavori pubblici sono difesi dall’avvocato Nello Pizza mentre i due responsabili dell’Utc dall’avvocato Gaetano Aufiero. Fascicolo aperto dalla Procura dopo un esposto presentato a fine 2017 da alcuni genitori in merito alla perizia redatta dai docenti del Dipartimento di Ingegneria dell’Università del Sannio, incaricati dall’ex sindaco Paolo Spagnuolo di valutare lo stato antisismico di tre plessi scolastici: la scuola dell’Infanzia “Adamo” di via San Giacomo la scuola primaria “Mazzetti” di via Manfredi e la scuola “Masi” di via Pianodardine. Gli esperti dell’Università di Benevento avevano certificato l’idoneità statica delle tre strutture evidenziando però che non erano costruite con criteri antisismici. La scuola “Mazzetti” fu poi chiusa a settembre del 2018 dal sindaco Giuseppe Spagnuolo perché troppo elevati i costi di adeguamento del sistema antincendio dell’edificio e perché si trattava di un edificio che era già inserito nella programmazione dell’Amministrazione per un ulteriore adeguamento strutturale più consistente.

 

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *