alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, contagio ancora in crescita: 39 i positivi in Irpinia su 760 tamponi effettuati La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva il Bilancio di previsione 2020-2022: ok al piano per ridurre i debiti Emergenza Coronavirus, da domani stop all’accesso dei visitatori alla Città ospedaliera e al plesso “Landolfi” Coronavirus, da venerdì scatta il coprifuoco alle 23. Lunedì riaprono le elementari Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda dei 28 casi irpini Alfredo Cucciniello è il nuovo presidente provinciale delle Acli di Avellino Contrada Giacchi, il gruppo consiliare Noi Atripalda denuncia lo stato disastroso delle strade e la presenza di una discarica. Foto Coronavirus, il sindaco:”dallo screening fatto agli alunni della Masi altri due contagiati” Coronavirus, sei nuovi casi di contagio ad Atripalda La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva l’aggiornamento del Documento Unico di Programmazione per l’esercizio 2020-2022: lavori pubblici e personale in primo piano

Questione ambiente, Idea Atripalda scrive: «Urge una risposta chiara sul tema dell’inquinamento»

Pubblicato in data: 8/3/2020 alle ore:08:30 • Categoria: Attualità
Concentrare ogni attenzione sul susseguirsi di continui stati emergenziali è una costante del modo di vedere ed intendere le cose in Italia. Alla luce degli ultimi avvenimenti, sembra esser ancora più impellente la necessità di focalizzare tutte le energie sulla “emergenzialità” delle cose. Potremmo, però, per un momento, tralasciare questo modo di fare che tendenzialmente lascia inevase questioni ancora più urgenti ed esistenziali. Le preoccupazioni presenti relegano a questioni di secondo ordine quelle che invece, proprio per loro natura, richiederebbero una più ampia riflessione.  Senza troppi indugi: a spaventarci di più, cogliendo così la nostra scarsa attenzione, è un virus di cui poco sappiamo. Mentre quei continui e drammatici problemi che rimangono spesso silenti, ma che sono allo stesso tempo sotto gli occhi di tutti, occupano poco spazio fra i nostri pensieri.
Prima che l’attenzione fosse deviata dalla baraonda mediatica, avevamo cercato di dare un piccolo contributo alla risoluzione di un drammatico problema, certamente non facile: la questione ambientale. Dopo aver organizzato un proficuo evento di approfondimento su questa delicata questione, che ha visto importanti contributi da parte di istituzioni politiche cittadine e associazioni, non ci siamo fermati ed abbiamo proposto, in modo da poter far partire una seria disamina della questione ambientale ad Atripalda, l’installazione di centraline per poter monitorare il livello di polveri sottili nell’aria. Consapevoli della serietà della situazione nella nostra cittadina, abbiamo inoltre dato una simbolica scadenza di 30 giorni all’Amministrazione comunale per prendere seri provvedimenti nel merito.
Certamente qualcosa si è mosso ed il lavoro ai tavoli istituzionali è stato assiduo, ma, forse presi dalla contingenza degli eventi, la luce si è spenta sull’effettiva messa in pratica delle varie proposte avanzate dalle stesse istituzioni. Pertanto, urge una risposta chiara, proprio da parte delle amministrazioni locali interessate, sulle manovre messe in atto allo stato odierno. Noi, da cittadini, non possiamo che augurarci una risposta concreta nel minor tempo possibile, rimanendo sempre disponibili al confronto e, al contempo, vigili sull’effettivo evolversi della situazione.
Idea Atripalda
Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *