alpadesa
  
Flash news:   Al via il Bando di Gara per il servizio di scassettamento dei venti parcometri ad Atripalda Guasto allo Stir, stop alla raccolta dell’indifferenziato fino a sabato in tutti i comuni Spenta la terza candelina per l’associazione Acipea e presentato il romanzo “Il Ricordo di un Amore” Playoff Serie C, Ternana-Avellino 0-0: lupi eliminati Slitta ancora al 5 luglio la riapertura alla città della villa comunale di Atripalda per i lavori alla biblioteca Coronavirus, i contagi crescono ancora (+187) e il numero delle vittime è di 21 Assemblea ASI, approvato il Bilancio consuntivo 2019 all’unanimità Efficientemente energetico, la richiesta di “Idea Atripalda” per il Comune del Sabato Air Trasporti, riattivate le corse urbane nei giorni festivi sulle linee di Atripalda e Mercogliano Torna lo scontro politico tra maggioranza e opposizione nella prima seduta di Consiglio comunale dopo quattro mesi di stop. L’ex sindaco: “una scorrettezza questa convocazione” e il primo cittadino:”i punti in discussione li decido io non i social”

Coronavirus, il Venerdì Santo nei versi di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 11/4/2020 alle ore:08:50 • Categoria: Attualità, Cultura

È il crocifisso ligneo miracoloso di San Marcello, che fermò la peste nel XVI secolo, il simbolo di questo Venerdì Santo ai tempi del Coronavirus. Il dolore, la processione della Via Crucis, la preghiera e la speranza nei versi di Gabriele De Masi.

 


Chiese

 

Chiuse, coi drappi viola del dolore

sui volti dei santi nei tabernacoli,

neanche la traccola batte l’ora

delle funzioni che chiamano a preghiera

i devoti per ultime ore al Salvatore.

La campana legata a penitenza

è muta in cima al gran sepolcro.

Non richiama, non si va per altari

ai ciuffi bianchi del grano cresciuto

al tetro buoi delle sacrestie.

Né, alle cadute sacre di Gesù,

seguito dalla Vergine dal nero velo,

trafitta in petto dalle spade dolorose.

Preghiamo nelle case, alla televisione,

né incenso né fiori, impedito incontro

ai luoghi nuovi di processione.

Simone, Cireneo, sì, penitente,

per una volta, sull’erta col Fratello,

sfiancato dal peso del fardello.

Cristo dalle chiese. Cristo tra la gente.

 

                    Gabriele De Masi

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Coronavirus, da lunedì in Campania non obbligatorie le mascherine all’aperto

Da lunedì in Campania l'uso delle mascherine all'aperto non è più obbligatorio, ma facoltativo. Resta invece l'obbligo nei luoghi chiusi Read more

Coronavirus, 333 nuovi contagi e 66 morti in un giorno

Coronavirus, 333 nuovi contagi e 66 morti in un giorno. E’ questo il dato più importante emerso dal bollettino fornito dalla Protezione Read more

Riecco il Coronavirus in Irpinia, nuovo caso a Solofra: ad annunciarlo il sindaco

Emergenza Croronavirus, nuovo caso in Irpinia e più precisamente a Solofra. Ad annunciarlo il sindeaco della città della concia Vignola:  Read more

Coronavirus, 303 nuovi contagiati e i morti scendono a 26

Coronavirus, 303 nuovi contagiati e i morti scendono a 26. E’ questo il dato più importante emerso dal bollettino fornito dalla Protezione Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Coronavirus, il Venerdì Santo nei versi di Gabriele De Masi”

  1. […] Coronavirus, il Venerdì Santo nei versi di Gabriele De Masi […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *