alpadesa
  
Flash news:   Al via il Bando di Gara per il servizio di scassettamento dei venti parcometri ad Atripalda Guasto allo Stir, stop alla raccolta dell’indifferenziato fino a sabato in tutti i comuni Spenta la terza candelina per l’associazione Acipea e presentato il romanzo “Il Ricordo di un Amore” Playoff Serie C, Ternana-Avellino 0-0: lupi eliminati Slitta ancora al 5 luglio la riapertura alla città della villa comunale di Atripalda per i lavori alla biblioteca Coronavirus, i contagi crescono ancora (+187) e il numero delle vittime è di 21 Assemblea ASI, approvato il Bilancio consuntivo 2019 all’unanimità Efficientemente energetico, la richiesta di “Idea Atripalda” per il Comune del Sabato Air Trasporti, riattivate le corse urbane nei giorni festivi sulle linee di Atripalda e Mercogliano Torna lo scontro politico tra maggioranza e opposizione nella prima seduta di Consiglio comunale dopo quattro mesi di stop. L’ex sindaco: “una scorrettezza questa convocazione” e il primo cittadino:”i punti in discussione li decido io non i social”

Tragedia ad Atripalda, parla Alfonso Chieffo legale della famiglia Naccarelli: “nessun nesso con i fatti del 2012, Michele uomo mite. La sua scomparsa legata a cause naturali, ora cadi l’oblio sulla vicenda”

Pubblicato in data: 22/4/2020 alle ore:17:00 • Categoria: Cronaca

A seguito del rinvenimento della salma di Michele Naccarelli, ho preso atto che alcuni organi di informazione hanno messo in relazione tale evento con i tragici fatti che lo videro protagonista nel gennaio del 2012 anche con la pubblicazione di immagini di repertorio, sento di dover chiarire alcuni aspetti necessari per una valutazione più obiettiva dell’accaduto. Allo stato attuale non sussiste alcun nesso ipotizzabile tra i due eventi, tenuto anche conto le ragioni del decesso di Michele, rispetto alle quali la Magistratura sta effettuando le opportune verifiche, sembrano riconducibili a cause naturali.

La memoria di Michele, anzi di Luigino, come veniva chiamato in famiglia, non può essere ricollegata in via esclusiva ai tragici fatti del 2012, soprattutto considerando il suo immediato e sincero pentimento e della circostanza che al momento del reato la sua “capacità di intendere e di volere era fortemente scemata”, e del debito saldato con la Giustizia.

Per ricordarlo voglio usare le parole del Giudice per le Indagini Preliminari che nella sua ordinanza applicativa di misura cautelare lo definì  “un uomo mite”: un uomo mite che, aggiungo io, provato dalle vicende di una vita con lui sempre avara, in un momento di sconforto perse la testa compiendo un gesto per il quale non si è mai più dato pace. E tanto basta perché sulla sua vicenda terrena cada l’oblio.

Alfonso Maria Chieffo
legale della famiglia Naccarelli

 

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Tragedia ad Atripalda, domani i Ris effettueranno delle verifiche nella casa di contrada Pettirossi

Toccherà ai Ris dei Carabinieri chiarire ogni aspetto riguardo la tragedia di contrada Pettirossi ad Atripalda. Gli specialisti dei Carabinieri Read more

Tragedia ad Atripalda, troupe della Rai aggredita: solidarietà dell’Odg Campania

L'Ordine dei giornalisti della Campania, si legge in una nota, «è al fianco dei due tecnici di un service Rai Read more

Furto al negozio di elettronica di Atripalda, due giovani identificati e denunciati dai Carabinieri

Furto aggravato in concorso: è questa l’accusa di cui dovranno rispondere due giovani di Avellino, denunciati dai Carabinieri della Stazione Read more

Il Comune di Atripalda sconfitto dinanzi al Tar di Salerno rilascia dopo trent’anni il permesso a costruire

Si è conclusa con il rilascio del permesso di costruire una lunga vicenda giudiziaria che ha visto contrapposti, da un Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *