alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, il bollettino di oggi dell’Asl: 89 i positivi, 4 ad Atripalda L’ex sindaco Andrea De Vinco propone la cittadinanza onoraria per l’immunologo americano Anthony Fauci di origini atripaldesi Coronavirus, il cordoglio del sindaco di Atripalda Spagnuolo per il secondo decesso Coronavirus, secondo decesso ad Atripalda: morto un 64enne ricoverato al Moscati Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 126 contagiati in Irpinia Coronavirus, scuole chiuse ad Atripalda fino al 7 dicembre Coronavirus, fino al 7 dicembre confermata la didattica a distanza dalla seconda classe della scuola primaria. A breve l’ordinanza della regione “ABC Atripalda Bene Comune” festeggia un anno di attività. Roberto Renzulli: “città nel degrado, l’Amministrazione non ci ascolta” Piantumato l’albero donato al Comune dai giovani di “Idea Atripalda” Il Consorzio A5 a confronto su Donne e Opportunità

Riapre al pubblico, dopo mesi di chiusura, il parco archeologico Abellinum ad Atripalda

Pubblicato in data: 8/7/2020 alle ore:07:30 • Categoria: Attualità, Cultura

Riapre al pubblico, dopo mesi di chiusura, il parco archeologico Abellinum ad Atripalda. Conclusosi l’intervento straordinario di pulizia della Civita romana effettuato dal Comune nell’intera area che, anche a causa del lockdown, presentava numerose problematiche relative alla crescita di erbacce e piante infestanti, la sinergia tra Soprintendenza-Comune e Università di Salerno ha portato alla riconsegna del parco alla comunità con la ripresa delle visite guidate.
L’area archeologica è così di nuovo visitabile oltre che idonea a ricognizioni archeologiche e geo-morfologiche.
Una lunga chiusura legata anche alla carenza di personale che aveva portato il parco a restare off-limits per diversi mesi. Ora Abellinum torna  fruibile dal giovedì al lunedì di ogni settimana, con il martedì e il mercoledì chiuso e orari e info pubblicati sul sito della Soprintendenza.
«Accarezziamo un sogno come Amministrazione – spiega il consigliere delegato al Parco Archeologico Salvatore Antonacci – di provare a mettere a sistema la città di Atripalda con l’antica Abellinum alle altre realtà importanti dell’Irpinia, come il parco archeologico di Aeclanum  e quello di Avella, in un percorso che possa portare nelle zone interne il traffico turistico che si consuma nelle zone marittime della nostra regione.  Vogliamo iniziare a gettare così le fondamenta di questo progetto anche grazie alla caparbietà del professore Santoriello dell’Università e a quella della Soprintendenza».
A breve saranno illustrati inoltre, in una conferenza stampa, anche i nuovi studi effettuati sull’area archeologica che nascono proprio dall’accordo sottoscritto un anno fa tra il Comune, la Soprintendenza e l’Università. Una convenzione firmata dal Comune del Sabato con il sindaco Giuseppe Spagnuolo, la Soprintendenza Archeologica di Salerno e Avellino, nella persona della Soprintendente Francesca Casule e il Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale dell’Università degli Studi di Salerno, nella persona del professore Luca Cerchiai. Un accordo che prevede un articolato programma pluriennale finalizzato allo studio, alla tutela e alla valorizzazione dell’area archeologica attraverso ricerche di archivio e bibliografiche, ricognizioni archeologiche e geomorfologiche, in previsione anche di future indagini di scavo.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *