alpadesa
  
sabato 23 gennaio 2021
Flash news:   Messa in sicurezza del parcheggio pubblico di via Gramsci ad Atripalda: impegno di spesa per l’affidamento della prestazione del rilievo topografico Ciclismo: la litoranea salernitana fa da sfondo al primo raduno collegiale Estorsione ai danni di un bar di Atripalda, rinvio a giudizio per un 28enne del luogo Riapertura scuole in Campania, De Luca annuncia l’ordinanza: «Superiori aperte da lunedì 1 febbraio» Appropriazione indebita, arrestato dai Carabinieri un 40enne di Atripalda colpito da mandato europeo Pianta organica del Comune, parla il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “firmati i decreti dei dipendenti, a breve le assunzioni” Idea Atripalda raccoglie proposte e segnalazioni per migliorare la Città Gestione del personale a Palazzo di città, il gruppo consiliare d’opposizione Noi Atripalda all’attacco. Fabiola Scioscia: “incompetenza e superficialità” Domenico Airoma a capo della procura della Repubblica di Avellino Riapertura scuole in Campania, il Tar ordina: Primaria in classe da domani

Giallo in Comune, rubato il portafogli di un’impiegata

Pubblicato in data: 9/7/2020 alle ore:10:09 • Categoria: Comune, Cronaca

Furto al Comune di Atripalda, rubano il portafogli ad una dipendente comunale dell’Ufficio Anagrafe. I Carabinieri della stazione di Atripalda, guidati dal comandante Marco Passato, stanno indagando sulla scomparsa del portafogli dalla borsa di una delle dipendente dell’Ufficio Anagrafe di piazza Municipio mentre era in servizio. Un’azione fulminea posta in essere da ignoti ai quali ora gli uomini della Benmerita lavorano per dare un volto.
La dipendente comunale, in servizio allo sportello Anagrafe, durante l’orario di lavoro si è dovuta allontanare più volte dalla sua postazione per poter effettuare delle fotocopie necessarie alla documentazione e all’espletamento della pratica che stava seguendo. La fotocopiatrice ubicata in un’altra stanza poco distante, alla quale si accede percorrendo delle scale e un piccolo corridoio.
Il borseggiatore, approfittando che la dipendente quella mattina era da sola in ufficio e si era allontanata dalla propria postazione per recarsi a fare le fotocopie, ha puntato la borsa lasciata incustodita, sottraendo dal suo interno il portafogli.
La dipendente si è accorta del furto solo qualche ora dopo. Sottratti non solo contanti, ma anche bancomat e carte di credito, buoni pasto e altri documenti.
Alla dipendente di Palazzo di città, dopo l’amarezza per l’episodio subito, non è restato che sporgere denuncia verso ignoti presso la stazione dei Carabinieri di Atripalda che indagano.
Purtroppo l’accesso all’Ufficio Anagrafe non è monitorato da un telecamera esterna e quindi ciò rende più difficile l’indagine degli investigatori.
A Palazzo di città nei mesi scorsi è stata realizzata anche una Control Room, quella che dovrà essere la Centrale Operativa necessaria per la messa in esercizio delle telecamere di sorveglianza comunale già esistenti sul territorio a salvaguardia della sicurezza cittadina. Il sistema, con le sue oltre dieci telecamere collocate nei punti strategici della cittadina del Sabato e anche all’ingresso di Palazzo di città, risulta spento da oltre due anni per adeguamento al G.D.P.R.  entrato in vigore nel 2018. Oltre una decina sono le telecamere che negli scorsi anni hanno funzionato nel centro città con quattro varchi di rilevazione targhe: Alvanite, via Roma, via Manfredi e via Appia.
Un sistema di controllo con l’occhio elettronico molto atteso dalla popolazione proprio a seguito della escalation di furti nelle contrade rurali cittadine, tanto da spingere i cittadini a richiedere che la videosorveglianza comunale venisse riattiva quanto prima ed estesa anche nelle zone periferiche.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *