alpadesa
  
sabato 23 gennaio 2021
Flash news:   Messa in sicurezza del parcheggio pubblico di via Gramsci ad Atripalda: impegno di spesa per l’affidamento della prestazione del rilievo topografico Estorsione ai danni di un bar di Atripalda, rinvio a giudizio per un 28enne del luogo Riapertura scuole in Campania, De Luca annuncia l’ordinanza: «Superiori aperte da lunedì 1 febbraio» Appropriazione indebita, arrestato dai Carabinieri un 40enne di Atripalda colpito da mandato europeo Pianta organica del Comune, parla il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “firmati i decreti dei dipendenti, a breve le assunzioni” Idea Atripalda raccoglie proposte e segnalazioni per migliorare la Città Gestione del personale a Palazzo di città, il gruppo consiliare d’opposizione Noi Atripalda all’attacco. Fabiola Scioscia: “incompetenza e superficialità” Domenico Airoma a capo della procura della Repubblica di Avellino Riapertura scuole in Campania, il Tar ordina: Primaria in classe da domani Stufa a Gpl prende fuoco ad Atripalda, i Vigili del fuoco evitano il peggio

Il gruppo consiliare “Noi Atripalda” attacca: “Parco di Abellinum: buone intenzioni e… cattive maniere!”

Pubblicato in data: 23/7/2020 alle ore:16:53 • Categoria: Politica

Il gruppo consiliare Noi Atripalda, nel prendere atto delle “buone intenzioni” del Ministero, avallate dal consigliere comunale delegato competente, circa la valorizzazione del Parco di Abellinum, registra che intanto lo stato dell’arte è va in tutt’altra direzione:

assenza di contratto di manutenzione del verde da gennaio 2018; i pochi tagli effettuati da allora, ovvero dalla scadenza del contratto (non rinnovato dal ministero alla ditta Ales) sono peraltro stati operati da ditte neanche qualificate alla manutenzione del verde di siti archeologici.
assenza totale di manutenzione ai reperti archeologici che, inevitabilmente, risultano gravemente danneggiati e compromessi insieme agli affreschi sulle pareti della Domus;
assenza di qualsivoglia misura di protezione del parco nei giorni di chiusura e negli orari notturni: sono numerose le segnalazioni di intrusi nell’area archeologica;
impianto di allarme non funzionante da mesi al deposito di Abellinum, ove si custodiscono tra l’altro le importantissimeepigrafi di Abellinum provenienti dalla Basilica Paleocristiana di Capo la Torre;
ai fruitori del parco non sono garantite le condizioni di sicurezza previste dalla legge dal momento che vi è assenza assoluta di qualsiasi tipo di manutenzione, sia ordinaria che straordinaria;
non è dato sapere se i lavori del I Lotto Parco di Abellinum – cofinanziati per un importo di circa 140.000 anche dal comune di Atripalda – possono dirsi conclusi e collaudati;
la Basilica Paleocristiana di Capo la Torre è abbandonata al degrado totale; rifiuti di ogni genere all’interno del sito, illuminazione serale e notturna non più funzionante, paratiedivelte in diversi punti. Le murature e le tombe in stato dicollabenza e gravemente danneggiate.

L’elenco potrebbe pure continuare. Solo per esempio e per dare la misura di quanto (non) stia a cuore il rilancio di Abellinum alla Soprintendente, ai suoi funzionari archeologici ed agli attuali amministratori, ricordiamo che lo scorso anno, a partire dai primigiorni di agosto, il parco è restato chiuso al pubblico per tutto il periodo feriale (per assenza di personale?). E questo senza neanche apporre lo straccio di un avviso.

Per non parlare, poi, della Dogana chiusa e ormai sottratta all’uso pubblico.

Insomma, la valorizzazione del patrimonio storico – culturale ad Atripalda costituisce applicazione del detto “le chiacchiere stanno a mille mentre i fatti sono a zero perché, al di là di una convenzione utile a pochi, l’unica cosa che in questo momento si può affermare senza tema di smentita alcuna è che l’azione di tutela dei beniarcheologici è INESISTENTE e che il patrimonio artistico della nostra città è a forte rischio.

Alcuni danni, infatti, già cagionati dall’incuria, sono ormaiirreversibili.

A nulla è servita una denuncia pubblica del nostro gruppo sullo stato di degrado di Abellinum. Altro che rilancio. Si operi innanzitutto la TUTELA, altrimenti le “cattive maniere” ci costringeranno a spostar l’attenzione in altre sedi.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *