alpadesa
  
Flash news:   CAMPAGNA VACCINALE ANTI-COVID 19, DA DOMANI RICHIAMO A 30 GIORNI PER PFIZER E MODERNA Sosta urbana, in appalto l’acquisto di 38 parcometri e 600 sensori per calcolare i tempi di permanenza delle auto. Sarà automatizzato il parcheggio interrato della villa comunale Inquinamento valle del Sabato: domani conferenza stampa di Arpac e Comune a parco delle Acacie La Domus romana di Abellinum affonda tra l’erba alta, la denuncia dell’archeologa De Simone. Foto Sinistra Italiana Atripalda denuncia: “il centro vaccinale a scartamento ridotto” Scuola: i genitori degli alunni della “Pascoli” scrivono a sindaco e al ds per avere chiarimenti sull’ imminente trasferimento del plesso Parte la manutenzione del verde pubblico ad Atripalda dopo le proteste social: da lunedì taglio delle erbacce ad Alvanite Ritrovamenti archeologici ad Atripalda, Barbaro (FdI): «il ministro Franceschini intervenga per la messa in sicurezza dei beni e per la loro valorizzazione» L’Emporio Solidale apre nel Convento di via Cammarota di Atripalda: parte l’avviso pubblico per la selezione dei beneficiari Scuola, i genitori ringraziano l’Amministrazione e il dirigente scolastico per la ripresa dei servizi trasporto e refezione

Fratelli d’Italia, domani i ragazzi di Gioventù Nazionale a Chianche per dire no al biodigestore

Pubblicato in data: 7/9/2020 alle ore:16:06 • Categoria: Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale, Politica

Nella giornata di domani, martedì 8 settembre, i ragazzi di Gioventù Nazionale, partito giovanile di FDI, inseme al presidente regionale e Nazionale si recheranno a Chianche per sostenere l’intero territorio provinciale ostaggio di scelte scellerate imposte dall’alto.  A spiegare la scelta è il presidente provinciale Pellegrino Peluso che spiega come la realizzazione del biodigestore a Chianche sarebbe un errore : “Il nostro non è un no a prescindere, Il ciclo integrato dei rifiuti provinciale va fatto ma una decisione così importante, che segna il destino dei territori, deve essere presa nel rispetto di storie, vocazioni e prospettive di sviluppo esistenti. Quindi non è in discussione la necessità di realizzare un nuovo impianto di compostaggio, ma la sua collocazione, il dimensionamento e le specifiche progettuali. Realizzare il biodigestore a Chianche sarebbe un errore. Non possiamo danneggiare, anche solo in termini di immagine, un’area territoriale vocata all’agricoltura e alla produzione delle nostre eccellenze vitivinicole. Istallando un biodigestore a Chianche si negano lo sviluppo e il futuro a tutte le aziende, gestite anche da giovani e coraggiosi ragazzi, che hanno investito in questa area agricola di pregio”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *