alpadesa
  
sabato 24 ottobre 2020
Flash news:   L’ex consigliere di Atripalda Ulderico Pacia assolto dall’accusa di diffamazione: a denunciarlo l’ex comandante della Polizia municipale Vincenzo Salsano Spaccio di marijuana: salta il confronto in Tribunale tra due imputati atripaldesi e testimoni per difetto di notifica Incidente sulla Variante ad Atripalda tra due auto e un camion: due feriti trasportati al Moscati. Foto Coronavirus, i contagi in Irpinia crescono di 91: si registra un altro caso ad Atripalda Coronavirus, il governatore De Luca: “indispensabile decidere subito il Lockdown” Le aule dell’ex liceo scientifico di via Appia da dicembre utilizzate per la didattica dell’Istituto Comprensivo di Atripalda L’Avellino corsara a Foggia vince 1-2 Sono 16.079 i nuovi contagi in Italia. Ad Atripalda i casi totali finora sono 16 Ordinanza coprifuoco Campania: operativa da venerdì 23 ottobre Coronavirus, 47 nuovi contagi in Irpinia

Nuovi scarichi abusivi ed esalazioni maleodoranti nel fiume Sabato nel tratto che attraversa il centro di Atripalda

Pubblicato in data: 12/9/2020 alle ore:08:48 • Categoria: Cronaca

Nuovi scarichi abusivi ed esalazioni maleodoranti nel fiume Sabato nel tratto che attraversa il centro di Atripalda. L’inquinamento del corso d’acqua finisce ancora una volta al centro di una nuova denuncia via social.
Una schiuma di colore scuro che fuoriusciva da una condotta  è comparsa l’altra mattina nel tratto del fiume che costeggia il ponte delle Carrozze, a pochi passi da piazza Umberto. Immagini che hanno messo in apprensione i residenti. Il video è stato postato sulla pagina Facebook di “ABC- Atripalda Bene Comune”.
Non è la prima volta. In passato sono state fatte anche delle segnalazioni a Vigili e Carabinieri, è stato presentato anche un esposto in Procura ma non si riesce a venire a capo del problema.
Una scena che si ripete ormai ciclicamente con il passare dei mesi con il corso d’acqua diventato in alcuni tratti una fogna a cielo aperto che emana odori nauseanti e ratti che spasso. Tempo fa a postare un altro video era stato il dottore Franco Mazza dell’associazione “Salviamo la Valle del Sabato”.
E non si sprecano via social i commenti e l’indignazione dei residenti e degli utenti che chiedono di verificare l’origine della causa dello sversamento abusivo al centro della città. Denunciano inoltre lo stato di abbandono e degrado in cui versa il letto del fiume da mesi trasformato in un cantiere ma anche gli olezzi insopportabili che provengono dal tratto cittadino trasformandolo in una fogna a cielo aperto.
I lavori di rinaturalizzazione e riqualificazione ambientale del tratto centrale nel fiume, appaltati e finanziati dalla Provincia per oltre 4milioni di euro, procedono a singhiozzo. A questi continui stop si aggiungono da tempo le esalazioni maleodoranti che provengono soprattutto nel tratto cittadino interessato dalla riqualificazione. Già in passato il fiume era finito al centro delle proteste per gli scarichi abusivi. Nonostante i controlli effettuati dall’Ufficio tecnico comunale e le indagini dei Carabinieri della locale stazione, dalle acque del Sabato continuano a fuoriuscire olezzi insopportabili. E fioccano le proteste social sulle pagine di Facebook.
«Sul tratto del fiume è obbligatorio indossare la mascherina non per il rischio Covid-19 ma per i miasmi provenienti dalle fogne a cielo aperto» scrive Roberto Renzulli mentre Rosa conclude: «Che schifo – scrive – domenica dalla puzza non si poteva stare».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *