alpadesa
  
Flash news:   Emergenza Coronavirus, da domani stop all’accesso dei visitatori alla Città ospedaliera e al plesso “Landolfi” Coronavirus, da venerdì scatta il coprifuoco alle 23. Lunedì riaprono le elementari Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda dei 28 casi irpini Alfredo Cucciniello è il nuovo presidente provinciale delle Acli di Avellino Contrada Giacchi, il gruppo consiliare Noi Atripalda denuncia lo stato disastroso delle strade e la presenza di una discarica. Foto Coronavirus, il sindaco:”dallo screening fatto agli alunni della Masi altri due contagiati” Coronavirus, sei nuovi casi di contagio ad Atripalda La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva l’aggiornamento del Documento Unico di Programmazione per l’esercizio 2020-2022: lavori pubblici e personale in primo piano Emergenza Covid, ecco le nuove misure del governo. Palestre e piscine aperte hanno 7 giorni per adeguarsi, strade e piazze chiuse dalle 21 solo se deciso dai sindaci Finisce con la moto contro la parete all’ingresso della galleria del raccordo autostradale: morta 52enne di Avellino

Accusati di furto aggravato: un’assoluzione e una condanna per due atripaldesi

Pubblicato in data: 16/10/2020 alle ore:16:38 • Categoria: Cronaca

A seguito di una accurata indagine i Carabinieri avevano denunciato B.G., pluripregiudicato di anni 46, e T.C., di anni 50, entrambi residenti ad Atripalda.

I fatti risalgono all’anno 2013 quando a T.C. – proprietario di un noto bar frequentato dalla movida avellinese, sito nella Galleria Sibilia del Corso Vittorio Emanuele – veniva notificato un atto di pignoramento e contestuale sequestro dei beni presenti nell’attività commerciale, per un ammontare di oltre trentamila euro.
A seguito di un successivo sopralluogo, il creditore procedente appurava che erano stati sottratti alcuni beni pignorati e presenti nell’attività commerciale, ormai chiusa.
Il creditore, pertanto, prontamente sporgeva denuncia per furto aggravato nei confronti di ignoti.
Alcuni giorni dopo, grazie a numerosi appostamenti, i carabinieri riuscivano a individuare e a fermare nel locale proprio T.C. e B.G. intenti ad asportare altri beni sottoposti al sequestro.
Inoltre, a seguito di una intensa attività d’indagine ed all’utilizzo di sistemi di geo-localizzazione, i carabinieri riuscivano a rinvenire sia il furgone, utilizzato per trasportare la merce oggetto di furto, sia la merce stessa in un garage sito in un popoloso quartiere di Atripalda e di proprietà di B.G.
Stamane, dopo una lunga istruttoria dibattimentale durata circa 5 anni, il Tribunale Monocratico di Avellino – in persona del dr. Gennaro Lezzi – ha mandato assolto B.G. – difeso dall’avvocato Mauro Alvino, il quale è riuscito a dimostrare la totale estraneità ai fatti del proprio assistito – ed ha condannato T.C., difeso dall’avv. Costantino Sabatino, alla pena di mesi 5 di reclusione, previa derubricazione del reato di furto pluriaggravato nel minore reato di cui all’art. 388 c.p.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *