alpadesa
  
Flash news:   Apre il cantiere alla scuola dell’Infanzia “Pascoli”, alunni trasferiti alla “Collodi”. Foto Polveri sottili, attiva la centralina mobile installata da Arpac a parco delle Acacie. Il direttore Sorvino: “prosegue l’impegno nell’analisi delle problematiche ambientali”. FOTOSERVIZIO Coronavirus: sono 61 gli attuali positivi ad Atripalda Decesso Naccarelli: la perizia medico legale voluta dal Pm chiarisce che fu morte naturale Giro d’Italia, tre irpini domani partecipano al Giro-E CAMPAGNA VACCINALE ANTI-COVID 19, DA DOMANI RICHIAMO A 30 GIORNI PER PFIZER E MODERNA Sosta urbana, in appalto l’acquisto di 38 parcometri e 600 sensori per calcolare i tempi di permanenza delle auto. Sarà automatizzato il parcheggio interrato della villa comunale Inquinamento valle del Sabato: domani conferenza stampa di Arpac e Comune a parco delle Acacie La Domus romana di Abellinum affonda tra l’erba alta, la denuncia dell’archeologa De Simone. Foto Sinistra Italiana Atripalda denuncia: “il centro vaccinale a scartamento ridotto”

Accusati di furto aggravato: un’assoluzione e una condanna per due atripaldesi

Pubblicato in data: 16/10/2020 alle ore:16:38 • Categoria: Cronaca

A seguito di una accurata indagine i Carabinieri avevano denunciato B.G., pluripregiudicato di anni 46, e T.C., di anni 50, entrambi residenti ad Atripalda.

I fatti risalgono all’anno 2013 quando a T.C. – proprietario di un noto bar frequentato dalla movida avellinese, sito nella Galleria Sibilia del Corso Vittorio Emanuele – veniva notificato un atto di pignoramento e contestuale sequestro dei beni presenti nell’attività commerciale, per un ammontare di oltre trentamila euro.
A seguito di un successivo sopralluogo, il creditore procedente appurava che erano stati sottratti alcuni beni pignorati e presenti nell’attività commerciale, ormai chiusa.
Il creditore, pertanto, prontamente sporgeva denuncia per furto aggravato nei confronti di ignoti.
Alcuni giorni dopo, grazie a numerosi appostamenti, i carabinieri riuscivano a individuare e a fermare nel locale proprio T.C. e B.G. intenti ad asportare altri beni sottoposti al sequestro.
Inoltre, a seguito di una intensa attività d’indagine ed all’utilizzo di sistemi di geo-localizzazione, i carabinieri riuscivano a rinvenire sia il furgone, utilizzato per trasportare la merce oggetto di furto, sia la merce stessa in un garage sito in un popoloso quartiere di Atripalda e di proprietà di B.G.
Stamane, dopo una lunga istruttoria dibattimentale durata circa 5 anni, il Tribunale Monocratico di Avellino – in persona del dr. Gennaro Lezzi – ha mandato assolto B.G. – difeso dall’avvocato Mauro Alvino, il quale è riuscito a dimostrare la totale estraneità ai fatti del proprio assistito – ed ha condannato T.C., difeso dall’avv. Costantino Sabatino, alla pena di mesi 5 di reclusione, previa derubricazione del reato di furto pluriaggravato nel minore reato di cui all’art. 388 c.p.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *