alpadesa
  
Flash news:   Consiglio comunale saltato, il gruppo d’opposizione “Noi Atripalda” attacca: «Amministrazione negligente, superficiale e incapace» Viola l’ordinanza di affidamento condiviso delle figlie minori: assolta madre atripaldese Coronavirus, 2 nuovi positivi ad Atripalda e 69 contagiati in Irpinia Stop all’uso delle acque del torrente Fenestrelle inquinato, scatta l’ordinanza sindacale ad Atripalda Verifica e salvaguardia degli Equilibri di bilancio 2020.2022, si torna in Consiglio ad Atripalda lunedì 7 dicembre Coronavirus, sono 109 le persone positive in Irpinia oggi: 2 ad Atripalda L’opposizione solleva una pregiudiziale sui ritardi nella messa a disposizione degli atti consiliari e salta l’assise comunale ad Atripalda. Foto Coronavirus, il bollettino di oggi: 91 i positivi in Irpinia, 4 ad Atripalda. 1102 i tamponi effettuati Coronavirus, 218 contagi totali e 155 attualmente positivi ad Atripalda: le raccomandazioni del sindaco Spagnuolo Coronavirus, il bollettino di oggi dell’Asl: 89 i positivi, 4 ad Atripalda

Minaccia una coppia di vicini a contrada Alvanite: 55enne di Atripalda assolto dal Giudice

Pubblicato in data: 30/10/2020 alle ore:07:12 • Categoria: Cronaca

Il giudice del Tribunale Penale di Avellino, dottor Corona, ha assolto con formula piena un uomo di 55 anni residente in contrada Alvanite ad Atripalda, imputato del reato di minacce aggravate nei confronti di una coppia di giovani del posto.
I fatti risalgono ad un pomeriggio del dicembre 2016, quando i Carabinieri della locale stazione si recarono a casa dell’uomo per notificargli un atto giudiziario riguardante una querela sporta nei suoi confronti da una coppia residente nello stesso quartiere. Alla ricezione della querela, il 55enne si rifiutò di firmare la notifica e andò in escandescenza, pronunciando, secondo quanto affermato dalla pubblica accusa, rappresentata dal P.M. dottoressa Galdo, frasi di minaccia nei confronti della coppia dei vicini di casa «devo dare fuoco a te e al tuo compagno. che ci vuole prendo una tanica di benzina e vi brucio».
L’imputato, difeso dai legali dello studio dell’avvocato Gerardo De Vinco, già in fase di indagini preliminari aveva chiesto l’archiviazione della sua posizione e si era dichiarato estraneo ai fatti contestati. Nel corso dell’istruttoria dibattimentale i difensori De Vinco e Rotondi hanno evidenziato al giudice Corona una circostanza fondamentale che ha scagionato il 55enne: nell’annotazione dei carabinieri intervenuti si faceva riferimento, infatti, non a minacce specifiche, ma solo a delle generiche frasi pronunciate dall’imputato e dettate da un momento di disperazione e nervosissmo. Nell’udienza, in sede di discussione, il Pm ha chiesto una condanna a 9 mesi di reclusione e la parte civile un congruo risarcimento del danno. Il giudice Corona, invece, ha accolto in pieno la tesi difensiva del legali De Vinco e Rotondi e ha assolto il 55enne.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *