alpadesa
  
Flash news:   Francesca Aquino in una lettera racconta le difficoltà per la pandemia dopo l’apertura di un negozio ad Atripalda: «non rinuncio al sogno di fare l’imprenditrice» Spaccia di droga: 40enne di Atripalda dai domiciliari al carcere Tributi non pagati, il Comune di Atripalda si affida per la riscossione coattiva delle entrate tributarie e patrimoniali alla ditta esterna “Gamma Tributi Srl” Autovelox, il comune di Atripalda incassa nuove sconfitte dinanzi al Giudice di Pace di Avellino “25 novembre – giornata mondiale contro la violenza di genere”, l’appello dei Carabinieri: “trovare sempre il coraggio di denunciare” Coronavirus, 206 positivi riscontrati ad oggi ad Atripalda: comunicazione del sindaco Atripalda, scuole chiuse fino al 29 novembre: ecco l’ordinanza del sindaco Verifica e salvaguardia degli equilibri di Bilancio 2020.2022, lunedì 30 novembre torna il Consiglio comunale ad Atripalda Coronavirus, aggiornamento Asl: 148 i positivi in Irpinia, 5 a Atripalda Coronavirus: Atripalda piange la morte di Michele, volontario tra le macerie de L’Aquila

Si appropriò indebitamente dell’auto della sua fidanzata di Atripalda: prosciolto dal processo

Pubblicato in data: 31/10/2020 alle ore:07:00 • Categoria: Attualità

Si appropriò indebitamente dell’auto della sua fidanzata: prosciolto dal processo. Una venticinquenne di Atripalda denunciò nell’aprile del 2013 il suo fidanzato per appropriazione indebita del proprio autoveicolo. Il giovane, residente nel comune di Nocera Inferiore, aveva chiesto infatti in prestito alla sua ragazza l’automobile del padre, una Lancia Musa appena acquistata, adducendo la scusa che quella di sua proprietà era priva di copertura assicurativa. Dopo un mese dal prestito, la venticinquenne chiese al suo ragazzo, più volte e alla presenza di testimoni, la restituzione della macchina. Ma il fidanzato si rifiutò categoricamente di riconsegnarla e, solo dopo che la relazione tra i due era finita, fece recapitare alla sua ex ragazza la carta di circolazione del veicolo, ma della Lancia Musa nessuna traccia.
Di seguito, la donna atripaldese in compagnia del padre, decise di recarsi presso i Carabinieri della stazione Atripalda per sporgere formale denuncia querela, con la speranza di recuperare l’autovettura di famiglia. Dopo mesi di indagini la Procura della Repubblica di Avellino aveva chiesto il rinvio a giudizio dell’uomo che intanto si era reso irreperibile anche nel suo comune di residenza.
Il processo penale a suo carico si è concluso, nella udienza celebrata dinanzi al Giudice del Tribunale di Avellino, dottoressa Matarazzo, con una sentenza di proscioglimento per intervenuta prescrizione del reato, perché ormai trascorsi sette anni e mezzo dal giorno della commissione del fatto. La donna atripaldese, assistita dai legali dello studio dell’avvocato Gerardo De Vinco, non si è costituita parte civile nel processo penale, ma ha dato mandato ai suoi difensori De Vinco e Rotondi di promuovere azione civile nei confronti del suo ex fidanzato per ottenere il risarcimento dei danni materiali e morali da lei subiti a causa della sottrazione del veicolo.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *