alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, un nuovo contagiato ad Atripalda Biblioteca comunale ancora chiusa, “Idea Atripalda” incalza l’Amministrazione Spagnuolo Caccia ai contribuenti morosi di Imu, Tari e altre tasse comunali ad Atripalda Manutenzione stradale e parcheggio via Gramsci, sbloccati i fondi dalla Giunta Spagnuolo Arriva la proroga ad Atripalda per la presentazione della domanda per l’accesso ai voucher alimentari Sorveglianza rafforzata: il prefetto Spena blinda Atripalda e Solofra dopo gli attentati intimidatori con le bombe carta Coronavirus, da lunedì 18 gennaio in presenza anche la terza classe della Primaria Attentato intimidatorio, pressing sul sindaco delle opposizioni. Landi: ”il tavolo in Prefettura doveva chiederlo lui” Bomba carta in città, Idea Atripalda: “cultura e comunicazione come antidoto alle violenze” Molestie al prete di Atripalda: condannati gli autori

Conferite 41 civiche benemerenze in Consiglio comunale ad Atripalda

Pubblicato in data: 15/11/2020 alle ore:08:00 • Categoria: Comune

Conferite quarantuno civiche benemerenze dal Comune di Atripalda per i volontari della Protezione civile impegnati in attività di aiuto alla popolazione durante l’emergenza pandemica.
Su proposta del sindaco Giuseppe Spagnuolo e della consigliera delegata alla Protezione civile Giuliana De Vinco, in accordo tra il gruppo consiliare di maggioranza e di minoranza, il Consiglio comunale, svoltosi l’altra sera, ha conferito all’unanimità e con un applauso del parlamentino cittadino, quarantuno civiche benemerenze ai volontari del Gruppo comunale di Protezione civile che ha partecipato all’attività di gestione della prima fase dell’emergenza sanitaria.
«Abbiamo voluto premiare chi durante la prima fase di lockdown si è reso disponibile con tutto le loro forze nel dare sostegno ai cittadini atripaldesi che erano in difficoltà – ha relazionato in aula la delegata Giuliana De Vinco -. E’ ovviamente solo un grazie da parte del Consiglio comunale agli uomini e alle donne della Protezione civile che si prestano quotidianamente con spirito di abnegazione e sacrificio mettendo a rischio la propria salute. Avremmo tanto voluto che questo riconoscimento fosse avvenuto con una pubblica manifestazione che rinviamo, ma che fosse avvenuto al termine di un’emergenza purtroppo che non è ancora finita. Alcuni di questi volontari sono ancora in servizio per rispondere alle esigenze della città, ben diverse rispetto a quelle della prima fase, con l’aiuto alle persone risultate positive e a quelli in quarantena». Anche il sindaco ha evidenziato la condivisione unanime del provvedimento «un segnale a chi ho operato in questa prima emergenza, ha chi sta operando adesso e a chi si avvicinerà al volontariato in momenti così complessi e duri con un impegno continuo. Un messaggio di ringraziamento da parte del Consiglio comunale e della città».
I premiati sono: Antonio Di Gisi, Noemi Gaeta, Fulvio Caruso, Sabatino Strumolo, Massimiliano Strumolo, Giuseppe Barretta (coordinatore della Protezione civile locale), Luca Ciaramella, Federico Giliberti, Francesco Spennati, Antonio Accomando, Francesco Aquino, Sabino Argenio, Paola Argenziano, Angelo Maria Berardino, Luca Berardino, Elvira Bruschi, Sonia Capaldo, Francesco Carone, Cosma Capusella, Anna Carpenito, Anna Castaldo, Bruno Cataldo, Amato Contino, Gionata De Masi, Gerardo De Mattia, Antonio Pio De Mattia, Guido Del Gaudio, Aishyling Divito, Sabino Elia, Emilio Evangelista, Roberto Fusco, Fiorentino Grasso, Maurizio Iandiorio, Marco Lippolis, Andrea Maria Lombardi, Oscar Lui, Antonietta Romano, Vincenzo Salvi, Carmine Solimene, Carla Tomasetti e Saverio Tullino.
«Come gruppo consiliare abbiamo sottoscritto questa concessione – ha ribadito poi l’ex sindaco Paolo Spagnuolo –. Abbiamo assistito al grosso lavoro fatto e la cosa che ci è piaciuta di più è che si è trattato di volontariato puro con l’auspicio di ritrovare la tessa disponibilità per emergenze che potrebbero verificarsi. Un peccato che non ci siano i beneficiari, ma ci diamo appuntamento ad un ulteriore consiglio comunale».
Il primo cittadino infine ha anche firmato un decreto di encomio, condiviso con tutti i consiglieri comunali. per Silvano Casillo «per il lodevole impegno, l’abnegazione e il sacrificio prestato alla città nel progetto “nonno vigile”» dinanzi alle scuole cittadine per la sicurezza degli studenti.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *