alpadesa
  
sabato 15 maggio 2021
Flash news:   Inquinamento in città, primi piccchi di biossido di azoto rilevati dalla centralina mobile a parco delle Acacie Apre il cantiere alla scuola dell’Infanzia “Pascoli”, alunni trasferiti alla “Collodi”. Foto Polveri sottili, attiva la centralina mobile installata da Arpac a parco delle Acacie. Il direttore Sorvino: “prosegue l’impegno nell’analisi delle problematiche ambientali”. FOTOSERVIZIO Coronavirus: sono 61 gli attuali positivi ad Atripalda Decesso Naccarelli: la perizia medico legale voluta dal Pm chiarisce che fu morte naturale Giro d’Italia, tre irpini domani partecipano al Giro-E CAMPAGNA VACCINALE ANTI-COVID 19, DA DOMANI RICHIAMO A 30 GIORNI PER PFIZER E MODERNA Sosta urbana, in appalto l’acquisto di 38 parcometri e 600 sensori per calcolare i tempi di permanenza delle auto. Sarà automatizzato il parcheggio interrato della villa comunale Inquinamento valle del Sabato: domani conferenza stampa di Arpac e Comune a parco delle Acacie La Domus romana di Abellinum affonda tra l’erba alta, la denuncia dell’archeologa De Simone. Foto

Coronavirus, parte da Atripalda il fronte del no alla riapertura delle scuole

Pubblicato in data: 20/11/2020 alle ore:19:13 • Categoria: Attualità

C’è attesa in queste ore per la decisione del governatore Vincenzo De Luca sulla riapertura delle scuole in Campania dal 24 novembre per gli alunni dell’Infanzia e della Primaria. Il Governatore è stato prima criticato per averle chiuse prima di tutti gli altri e ora viene invitato ad evitarne la riapertura.
La protesta per la riapertura in regione parte da Atripalda con Lia Gialanella che ha dato vita su Facebook ad un gruppo “Tuteliamo i nostri figli scuole chiuse in Campania”  con l’hashtag #24novembrescuolechiuseincampania che in poco tempo ha raccolto l’adesione di oltre 22mila iscritti.
“L’iniziativa del gruppo nasce quasi come un sondaggio fra amici in Campania. Dai 5000 iscritti in poi, le iscrizioni hanno seguito un’impennata quasi del tutto autonoma e spontanea. Pensai ad un’hashtag che ci caratterizzasse nella giungla di internet e che quindi ci collocasse ed identificasse in un tempo, uno spazio ed un pensiero precisi – spiega Lia Gialanella -. L’hashtag ha contribuito a rintracciarci e a portare avanti un’idea comune semplice e chiara: non ci sono presupposti per garantire il diritto alla salute e alla vita dei nostri figli e delle nostre famiglie. Il diritto all’istruzione è supportato dalla Dad”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *