alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, un nuovo contagiato ad Atripalda Biblioteca comunale ancora chiusa, “Idea Atripalda” incalza l’Amministrazione Spagnuolo Caccia ai contribuenti morosi di Imu, Tari e altre tasse comunali ad Atripalda Manutenzione stradale e parcheggio via Gramsci, sbloccati i fondi dalla Giunta Spagnuolo Arriva la proroga ad Atripalda per la presentazione della domanda per l’accesso ai voucher alimentari Sorveglianza rafforzata: il prefetto Spena blinda Atripalda e Solofra dopo gli attentati intimidatori con le bombe carta Coronavirus, da lunedì 18 gennaio in presenza anche la terza classe della Primaria Attentato intimidatorio, pressing sul sindaco delle opposizioni. Landi: ”il tavolo in Prefettura doveva chiederlo lui” Bomba carta in città, Idea Atripalda: “cultura e comunicazione come antidoto alle violenze” Molestie al prete di Atripalda: condannati gli autori

Coronavirus, la Campania da domani 6 dicembre sarà zona arancione

Pubblicato in data: 5/12/2020 alle ore:13:56 • Categoria: Attualità

Da domenica 6 dicembre la Campania sarà zona arancione Covid. Lo ha annunciato ieri il ministro della Salute Roberto Speranza, sulla base dei dati del monitoraggio effettuato dall’Istituto superiore di sanità (Iss) sull’andamento epidemiologico delle regioni italiane.

Per le regioni che passano dal rosso all’arancione resta il divieto di entrare e uscire dal proprio comune di residenza o domicilio, a eccezione di  “comprovate esigenze” di lavoro, salute e urgenza. All’interno del proprio comune si può circolare senza obbligo di autocertificazione.

Porte aperte per le attività di vendita di prodotti non necessari, come i negozi di abbigliamento.

In zona arancione bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie restano chiusi, mentre sono aperte mense e catering. È permessa la consegna a domicilio e, fino alle 22, l’asporto. Tornano ad aprire tutti i negozi e i centri commerciali, che però devono restare chiusi nei giorni festivi e prefestivi

Nelle giornate festive e prefestive infatti restano chiusi gli esercizi commerciali presenti all’interno di centri commerciali e i mercati, a eccezione di farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole.

Permessa la didattica in presenza anche agli studenti di seconda e terza media. Mentre per quanto riguarda lo sport, si può fare attività motoria e sportiva all’interno del proprio comune e all’aperto. Continuano invece a restare chiuse palestre e piscine.

Le distinzioni tra zone gialle e arancioni non saranno attive, però, nel periodo dal 21 dicembre al 6 gennaio, come è stato stabilito dal Dpcm 3 dicembre illustrato l’altra sera dal premier Conte In questo periodo, indipendentemente dal colore, saranno vietati tutti gli spostamenti tra regioni anche per raggiungere le seconde case, sarà permesso solo tornare nel proprio luogo di residenza o domicilio. Il 25 e 26 dicembre e il primo gennaio sarà vietato anche uscire dal proprio comune.

Dal 7 gennaio le scuole superiori e professionali torneranno alle lezioni in presenza, mentre fino a quella data, la didattica resterà a distanza.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *