alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, un nuovo contagiato ad Atripalda Biblioteca comunale ancora chiusa, “Idea Atripalda” incalza l’Amministrazione Spagnuolo Caccia ai contribuenti morosi di Imu, Tari e altre tasse comunali ad Atripalda Manutenzione stradale e parcheggio via Gramsci, sbloccati i fondi dalla Giunta Spagnuolo Arriva la proroga ad Atripalda per la presentazione della domanda per l’accesso ai voucher alimentari Sorveglianza rafforzata: il prefetto Spena blinda Atripalda e Solofra dopo gli attentati intimidatori con le bombe carta Coronavirus, da lunedì 18 gennaio in presenza anche la terza classe della Primaria Attentato intimidatorio, pressing sul sindaco delle opposizioni. Landi: ”il tavolo in Prefettura doveva chiederlo lui” Bomba carta in città, Idea Atripalda: “cultura e comunicazione come antidoto alle violenze” Molestie al prete di Atripalda: condannati gli autori

Lavori di disostruzione delle caditoie stradali ad Atripalda contro i continui allagamenti

Pubblicato in data: 5/12/2020 alle ore:08:13 • Categoria: Attualità, Comune

Lavori di disostruzione delle caditoie stradali ad Atripalda contro i continui allagamenti legati ai nubifragi che si abbattono sulla città. Il Comune del Sabato, attraverso il Mepa della Consip, procederà all’individuazione dell’impresa che dovrà procedere ad effettuare il servizio disostruzione di circa 500 caditoie stradali ubicate dal centro alle periferie. A disposizione dell’intervento Palazzo di città ha stanziato una somma di 12.500,00 euro per la esecuzione dei servizi di disostruzione delle 500 caditoie stradali. L’aggiudicazione avverrà secondo il criterio del minor prezzo mediante procedura  negoziata..
L’ultimo intervento di disostruzione risale al 2018, quando il delegato ai lavori pubblici Salvatore Antonacci con l’Utc di piazzetta Pergola fecero effettuare una pulizia delle caditoie che interessò tutto il territorio comunale.
Con i temporali il rischio allagamenti si fa sempre più concreto soprattutto in alcune strade molto trafficate come via Appia. Sono centinaia le caditoie completamente ostruite in tutta la città. Il pericolo, in caso di forti piogge, è che i sistemi di captazione delle acque piovane attualmente sgombri da erba, foglie secche e rifiuti non riescano a “tamponare” le precipitazioni copiose. Ora il Comune ingaggia una vera e propria corsa contro il tempo per scongiurare la possibilità di disastrosi allagamenti. Le maggiori criticità si registrano anche lungo via Roma e nel centro storico della città. Nel centro la maggior parte delle caditoie necessitano di urgenti interventi di manutenzione anche se la situazione è lievemente migliorata rispetto agli scorsi anni quando era complicato trovare una caditoia completamente libera dai detriti. Problemi anche nelle traverse dia via Appia dove un gran numero di caditoie sono completamente ostruite dalle foglie secche. Secondo le stime del Comune le caditoie, i pozzetti e le griglie ostruite sono circa 500, una bella gatta da pelare per l’impresa che si aggiudicherà i lavori che dovrà far fronte ad un lavoro per tenere sgombre le strade dall’acqua ma anche dalle polemiche che puntualmente, dopo un allagamento, impazzano sui social.
Sempre attraverso il mercato elettronico della pubblica amministrazione (Mepa), mediante trattativa diretta, il responsabile del IV Settore Ambiente, geometra Vincenzo Caronia, con determina di settore ha aggiudicato l’appalto del Servizio di potatura dei trentotto lecci di Piazza Umberto I, angolo di via Roma, traversa Dogana e via Aldo Moro nonché la potatura di 6 querce sempre collocate in piazza Umberto I compreso gli oneri di smaltimento del materiale, alla Società Agricola Vivaistica Avellinese di Gaetano Ciccarella che ha presentato l’offerta con un ribasso dell’0,25% per complessivi 8.400,00 euro oltre Iva ed oneri accessori come per legge.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *