alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, boom di contagi ad Atripalda: 8 nuovi positivi Viadotto Novesoldi, garanzie dall’Anas: “Nessun rischio, il ponte è monitorato” Parco archeologico di Abellinum, l’affondo dell’ex assessore alla Cultura Lello Barbarisi: “sito dimenticato” Coronavirus, il presidente De Luca ha firmato l’ordinanza per la chiusura delle scuole fino al 14 marzo Coronavirus, nuovi 7 casi positivi ad Atripalda. In irpinia i contagiati sono 111 Coronavirus, De Luca lancia l’allarme : “Troppi contagi, da lunedì in campania scuole chiuse” Coronavirus, non si ferma il contagio ad Atripalda: 5 nuovi casi. In Irpinia 104 i positivi di oggi Coronavirus, 2 nuovi contagi ad Atripalda: 71 in Irpinia. Ecco il bollettino di oggi Molesta e minaccia una donna, arrestato 35enne di Atripalda già ai domiciliari Aggiudicata la progettazione definitiva ed esecutiva per i lavori di adeguamento sismico alla scuola dell’Infanzia “Nicola Adamo” di Atripalda

Nel giorno dell’Immacolata nasce il “Blog dei francescani di Atripalda”

Pubblicato in data: 8/12/2020 alle ore:15:33 • Categoria: Cultura

Nel giorno della festa dell’Immacolata, viene alla luce il “Blog dei francescani di Atripalda”.
Nell’editoriale di presentazione dal titolo “Alla luce del sole” Tony Limongiello illustra il senso del blog. Eccolo di seguito:

ALLA LUCE DEL SOLE

Quando nel novembre 2003 uscì il primo numero del giornalino della Gioventù Francescana di Atripalda, Dolce Sentire, due parole risaltavano nella prima pagina: condividere; speranza. Erano nel titolo di due articoli diversi, ma in qualche modo uniti tra di loro; i primi articoli che avevamo scritto, i primi articoli che volevamo che tutta la comunità leggesse. Volevamo “comunicare le nostre esperienze, le nostre emozioni, le nostre idee, volevamo parlare di noi”; volevamo fare pubblicamente la nostra professione di fede in Gesù Risorto, unica vera speranza. Ci ispirava il luminoso ideale di vita di Francesco d’Assisi: “Da amici a fratelli”; ci incoraggiava la giovane età. E sapevamo che non sarebbe stato facile pubblicare ogni mese il nostro piccolo “foglio”; sapevamo che a tanti forse non avrebbe interessato leggere le nostre “cose”. Ma era un’esigenza per noi esprime “i sentimenti e i valori che ci uniscono e ci spingono sempre più a credere nella nostra realtà”, cioè la fraternità. Oggi molto è cambiato! Siamo cambiati noi (certamente per l’età!); è cambiato il mondo intorno a noi, soprattutto in questo ultimo periodo. Ma non è cambiato, anzi è cresciuto il desiderio che abbiamo di condividere la speranza. Ecco la ragione di questo blog, che nasce per superare il limite e i limiti della versione stampata, e fare arrivare a quante più persone possibile questo annuncio: «Non vi è niente di più bello che essere raggiunti, sorpresi dal Vangelo, da Cristo. Non vi è niente di più bello che conoscere Lui e comunicare agli altri l’amicizia con Lui» (Benedetto XVI, 24 aprile 2005). Questa è l’esperienza della vita fraterna, che viviamo e che vogliamo condividere; questa è l’esperienza di ogni comunità cristiana. E crediamo che oggi sia più che mai necessario e urgente “annunciarlo dai tetti” (Cfr Vangelo di Matteo 10,27). Da questa “terrazza” virtuale, quello che sperimentiamo stando con Gesù in fraternità, quello che ascoltiamo da Lui, meditando il Vangelo e riflettendo sulla nostra vita, vogliamo “gridarlo” alla luce del Sole. 

RUBRICHE

Dal Vangelo alla vita
“Lampada per i nostri passi è la Parola di Dio”. Alla luce del Vangelo noi possiamo capire il senso delle situazioni che viviamo, delle esperienze che facciamo; e possiamo trasformare ogni realtà umana, secondo la volontà di Dio. Ascoltando gli insegnamenti del Vangelo siamo sicuri di stare nella via della verità, che è fonte di pace e di fraternità. Riflettendo assiduamente sulle parole del Vangelo, riceviamo la forza della fede e il coraggio della testimonianza. Amando ogni pagina del Vangelo impariamo ad amare Dio e il prossimo; così passiamo dal Vangelo alla vita.

Dalla vita al Vangelo
Vivere evangelicamente significa mettere in pratica la Parola di Dio, ma significa anche verificare la nostra vita alla luce della vita di Cristo. Rileggere cioè eventi e situazioni, per comprendere innanzitutto l’opera di Dio e, poi, se e quanto noi abbiamo collaborato alla sua realizzazione. Quello che facciamo esprime quello che siamo. Il racconto della nostra storia è il racconto del nostro percorso di fede, con gli ostacoli, gli affanni, le cadute, ma anche i salti in avanti, i sospiri di gioia, le opportunità di rialzarsi sollevati da un amico. Così, scoprendo che “tutto concorre al bene di coloro che amano Dio”, passiamo dalla vita al Vangelo.

 

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *