alpadesa
  
sabato 16 gennaio 2021
Flash news:   Sorveglianza rafforzata: il prefetto Spena blinda Atripalda e Solofra dopo gli attentati intimidatori con le bombe carta Coronavirus, da lunedì 18 gennaio in presenza anche la terza classe della Primaria Attentato intimidatorio, pressing sul sindaco delle opposizioni. Landi: ”il tavolo in Prefettura doveva chiederlo lui” Bomba carta in città, Idea Atripalda: “cultura e comunicazione come antidoto alle violenze” Molestie al prete di Atripalda: condannati gli autori Nuovi parcometri ad Atripalda, l’opposizione “Noi Atripalda” boccia il bando: «un spreco per la città» Coronavirus, un nuovo contagio ad Atripalda Bomba carta alla Formaggeria, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo: “atto vile, bisogna lavorare in sinergia. L’Amministrazione dia vita ad iniziative culturali forti” La formaggeria riapre a 24 ore dal raid, Luca: “Siamo forti, andiamo avanti come se nulla fosse” Esposto per i concorsi a premi in città, scatta la solidarietà bipartisan ad Atripalda

Coronavirus, Avellino piange il fotoreporter Massimo D’Argenio

Pubblicato in data: 27/12/2020 alle ore:08:49 • Categoria: Associazioni sul territorio

Ha combattuto una lunga battaglia contro il Covid che purtroppo non è riuscito a vincere. Massimo D’Argenio, 54 anni, fotografo professionista, è morto alla Vigilia di Natale all’Ospedale Moscati dove era ricoverato da alcune settimane dopo aver contratto il virus. Titolare di uno studio fotografico nel centro storico di Avellino aveva lavorato anche per alcune testate giornalistiche.

Il sindacato unitario giornalisti Campania esprime sentimenti di cordoglio e dolore per la scomparsa del fotoreporter e videomaker Massimo D’Argenio.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *