alpadesa
  
Flash news:   Idea Atripalda raccoglie proposte e segnalazioni per migliorare la Città Gestione del personale a Palazzo di città, il gruppo consiliare d’opposizione Noi Atripalda all’attacco. Fabiola Scioscia: “incompetenza e superficialità” Domenico Airoma a capo della procura della Repubblica di Avellino Riapertura scuole in Campania, il Tar ordina: Primaria in classe da domani Stufa a Gpl prende fuoco ad Atripalda, i Vigili del fuoco evitano il peggio Vallone Testa e Fosso Orto di Preti, la Giunta Spagnuolo fissa gli impegni di spesa per i due progetti di riqualificazione e risanamento idrogeologico ad Atripalda Coronavirus, un nuovo contagiato ad Atripalda Il derby campano con la Cavese è dei lupi Biblioteca comunale ancora chiusa, “Idea Atripalda” incalza l’Amministrazione Spagnuolo Caccia ai contribuenti morosi di Imu, Tari e altre tasse comunali ad Atripalda

Bomba carta alla Formaggeria, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo: “atto vile, bisogna lavorare in sinergia. L’Amministrazione dia vita ad iniziative culturali forti”

Pubblicato in data: 13/1/2021 alle ore:08:48 • Categoria: Cronaca

Condanna dell’atto intimidatorio contro la formaggeria di via Fiume ad Atripalda, come di un “atto vile”, arriva dall’ex sindaco Paolo Spagnuolo: «si tratta di un atto cui la nostra comunità non è abituata. La città intera prende le distanze e lo fa perché culturalmente non siamo abituati ad assistere a questo tipi di episodi. E quindi ci preoccupano fortemente. Il secondo aspetto è la solidarietà da esprimere al nostro amico Luca, al commerciante, alla sua famiglia e a tutti i commercianti che hanno difficoltà che eventualmente hanno difficoltà di esercitare in maniera libera la propria attività. La solidarietà è necessaria, visto che stiamo vivendo una crisi economica che ci accompagna dal 2008 e dalla quale non siamo mai usciti la crisi legata all’emergenza Covid. Per cui i commercianti che la mattina vanno ad alzare la saracinesca lo fanno già con un bel po’ di preoccupazioni e non è possibile aggiungere ulteriori preoccupazioni legate chissà se alla criminalità, all’azione di un balordo o di delinquenti non organizzati. Bisogna lavorare con maggiore sinergia, ad Atripalda viviamo un problema l’operatività della caserma nonostante l’impegno e le buone intenzioni dei Carabinieri c’è un problema sul numero di risorse umane assegnate alla stazione che copre anche Manocalzati e San Potito e anche un problema sull’orario di chiusura della caserma. Chiediamo all’Amministrazione e al sindaco in particolare di adottare tutti i poteri che gli sono riconosciuti dalla legge e di sollevare la questione dell’operatività della caserma di Atripalda, perché altrimenti parliamo di una caserma che non può rappresentare un presidio di sicurezza ma questi episodi rappresentano forme di degrado culturale forte a cui bisogna reagire con iniziative culturali forti mentre invece sono ridotte al lumicino se non a zero. Vedo troppi canti e balli e poco impegno ed entusiasmo per iniziative culturali».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *