alpadesa
  
Flash news:   Polemiche sui ritardi nella partenza del Punto Vaccinale di Atripalda, il sindaco Spagnuolo: “sistema trasparente sul sorteggio, no ad allarmismi” Coronavirus, due nuovi positivi ad Atripalda Sinistra Italiana Atripalda, strali alla giunta Spagnuolo: “Città abbandonata” Coronavirus, 4 nuovi contagi ad Atripalda Coronavirus, l’affondo dell’opposizione: “Atripalda, città fuori controllo: tutti i nodi vengono al pettine” Potatura straordinaria dei platani di Atripalda: si parte domani mattina Culla Fabiana Nevola: auguri Coronavirus, boom di contagi ad Atripalda: 8 nuovi positivi Viadotto Novesoldi, garanzie dall’Anas: “Nessun rischio, il ponte è monitorato” Parco archeologico di Abellinum, l’affondo dell’ex assessore alla Cultura Lello Barbarisi: “sito dimenticato”

Molestie al prete di Atripalda: condannati gli autori

Pubblicato in data: 15/1/2021 alle ore:09:52 • Categoria: Cronaca

Molestie telefoniche nei confronti del prete di Atripalda: condannati due dei tre autori. La notizia la scrive questa mattina Il Mattino di Avellino.

D. P. C., 28enne di Atripalda, è stato condannato a due anni e sei mesi mentre A.R., 27enne di Prata Principato Ultra, difeso Michele Fratello, è stato condannato a due anni e due mesi di reclusione. Assolta con la formula piena «perché il fatto non sussiste» J. S., di Santa Lucia di Serino.

I tre ragazzi sono accusati a vario titolo di truffa, tentata estorsione aggravata, minacce. I giovani avevano, inoltre, molestato telefonicamente il prete di Atripalda per ottenere somme di denaro.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *