Flash news:   Lavori di ricostruzione scuola media Masi, l’assessore Labate replica: “da Abc solo falsità” Ad Atripalda è “Baraonda”: l’Amministrazione ha presentato il cartellone degli eventi estivi Il team Eco Evolution Bike in ciclo tour dall’Irpinia alla penisola sorrentina Lavori di ricostruzione scuola media Masi, Abc all’attacco: «vigileremo su ogni euro speso, i nostri figli non sanno ancora dove andare» Lavori di ricostruzione scuola media Masi, il sindaco cambia le decisioni prese dall’ex primo cittadino: bocciati i moduli prefabbricati per le aule Indennità di Giunta, l’ex vicesindaco Anna Nazzaro: «come assessori non adeguandoci i compensi abbiamo lasciato nelle casse comunali circa 170mila euro» Presidente del Consiglio comunale: il sindaco Spagnuolo avvia l’iter Indennità di giunta, il vicesindaco Mimmo Landi: «l’ex sindaco la percepiva intera. Attacchi populisti» Indennità di giunta, l’ex assessore Palladino all’attacco: «Avevamo questa possibilità da gennaio e non l’abbiamo fatto» Il Consiglio comunale di Atripalda in seduta balneare e a tempo scaduto approva la salvaguardia degli equilibri di bilancio

Addio a Pasquale Nappa il self made man atripaldese giramondo che viveva in Africa

Pubblicato in data: 30/1/2021 alle ore:15:52 • Categoria: Cronaca

Se ne è andato a 80 anni Pasquale Nappa, imprenditore globe-trotter originario di Atripalda.
Cresciuto nella cittadina del Sabato, giovanissimo parper Ginevra, dove avviò le prime esperienze lavorative. Poi la pazza idea, negli anni ‘60, di trasferirsi nel continente africano insieme alla moglie Giannina, originaria del comasco, conosciuta da lui in Svizzera e deceduta pochi anni fa. Nappa scelse di vivere nello Zambia, dove, iniziò a lavorare nelle miniere di diamanti. Poi si mise in proprio e avviò un’attività imprenditoriale di realizzazione di motopompe di sua invenzione per l’adduzione e la distribuzione dell’acqua. Un’idea brillante, tanto da essere premiato alla fine degli anni ’80 dal governo dello Zambia (nella foto con il presidente dello Zambia Kaunda).
Una carriera che non gli impediva di tornare in patria, tanto nella sua Atripalda, dove ancora
ogg
i ci sono tanti familiari, quanto a Scalea, in Calabria, dove risultava residente.
Negli ultimi mesi la sua salute si era aggravata e ieri una polmonite gli è stata fatale. Lascia le due figlie Daniela e Sarah e i fratelli Anna, Sandra, Antonio e Franco.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.