Flash news:   Rendiconto approvato, il sindaco Spagnuolo: «Abbiamo risanato le finanze con risultati ampiamente positivi». Foto – Parte 1 Concerto “Fairy Guitar Quartet” sabato sera nella suggestiva cornice del parco archeologico di Abellinum Campetto di contrada Ischia, affidati i lavori: scatta il divieto di sosta Stasera in Consiglio il Rendiconto in chiave autovelox: il Prc chiede le dimissioni dell’assessore Urciuoli Coronavirus, primo caso di positività alla scuola Primaria di Atripalda: classe in Dad Incidente mortale sul Raccordo Av-Sa, muore autotrasportatore. Chiuso al traffico il tratto Atripalda-Serino. Foto Festeggiamenti San Sabino, il monito del Vescovo Aiello: “attenti ai trasformismi” e don Fabio: “il Santo metta il sale in testa ai candidati alle amministrative”. Foto Viabilità ad Atripalda, intervento per la messa in sicurezza delle strade e di parco Acacie Scuola media “Masi”, indetta la gara da 4,5 milioni di euro per l’antisismica L’appello dell’imprenditore Enzo Angiuoni alla Soprintendenza: «Fatemi restaurare lo Specus»

Cani randagi uccisi dal veleno, il sindaco di Atripalda emana un’ordinanza di avviso per la presenza di esche o bocconi avvelenati

Pubblicato in data: 30/1/2021 alle ore:08:02 • Categoria: Cronaca

Cani randagi uccisi dal veleno, il sindaco di Atripalda emana un’ordinanza di avviso per la presenza di esche o bocconi avvelenati. L’ordinanza prende spunto a seguito del rinvenimento da parte del Servizio Veterinario dell’Asl Av2 a fine anno, in contrada Giacchi, di un cane randagio il cui quadro anatomopatologico, che non escludeva il sospetto avvelenamento. L’esame autoptico e di laboratorio, eseguito dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno di Portici, ha confermato la presenza di sostanze tossiche. Da qui il provvedimento del primo cittadino. Nel documento di ieri mattina dalla Sede Municipale, Spagnuolo oltre a sottolineare l’ordinanza del Ministero della Salute del 13 giugno 2016 sulle norme di assoluto divieto di utilizzo, nonché di detenzione, di esche o bocconi avvelenati, ordina al Comando di Polizia Municipale, guidata dal comandante Domenico Giannetta «di avviare un’indagine e di predisporre ed apporre apposita cartellonistica nella quale venga indicata la sospetta presenza lungo contrada Giacchi e zone limitrofe, di esche o bocconi avvelenati, affinché i residenti e coloro che vi transitino con animali domestici, possano prestare la massima attenzione per l’eventuale presenza di altre esche». Inoltre il sindaco richiede di provvedere ad intensificare i controlli nella zona, in modo da scongiurare il ripetersi di tali atti lesivi per il benessere degli animali. Infine, viene dato mandato al Servizio Veterinario della Asl di Avellino, di provvedere alla bonifica dell’intera area con le opportune modalità.
Non è la prima volta che si registrano questi episodi nella cittadina del Sabato come in via Pianodardine.
Intanto «non c’è giorno senza problemi» al canile municipale di contrada Valleverde che il comune vuole affidare con gara pubblica e gestito finora da anni, non senza difficoltà per carenze di fondi, dall’Aipa (Associazione Italiana Protezione Animale), sezione di Atripalda come scrive la presidente Angela Luongo su Facebook: «Noi non molliamo ed è completato è speriamo definitivamente la copertura box anche per il blocco wc. Il gelo spacca i tubi dell’acqua? Amedeo li ripara. Siamo collaudati».
L’Aipa gestisce il Canile Comunale dal 2003. Una struttura che ospita circa 150 cagnolini, fiore all’occhiello ed unica nell’intera provincia da un trentennio.

L’ordinanza prende spunto a seguito del rinvenimento da parte del Servizio Veterinario dell’Asl Av2 a fine anno, in contrada Giacchi, di un cane randagio il cui quadro anatomopatologico, che non escludeva il sospetto avvelenamento. L’esame autoptico e di laboratorio, eseguito dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno di Portici, ha confermato la presenza di sostanze tossiche. Da qui il provvedimento del primo cittadino. Nel documento di ieri mattina dalla Sede Municipale, Spagnuolo oltre a sottolineare l’ordinanza del Ministero della Salute del 13 giugno 2016 sulle norme di assoluto divieto di utilizzo, nonché di detenzione, di esche o bocconi avvelenati, ordina al Comando di Polizia Municipale, guidata dal comandante Domenico Giannetta «di avviare un’indagine e di predisporre ed apporre apposita cartellonistica nella quale venga indicata la sospetta presenza lungo contrada Giacchi e zone limitrofe, di esche o bocconi avvelenati, affinché i residenti e coloro che vi transitino con animali domestici, possano prestare la massima attenzione per l’eventuale presenza di altre esche». Inoltre il sindaco richiede di provvedere ad intensificare i controlli nella zona, in modo da scongiurare il ripetersi di tali atti lesivi per il benessere degli animali. Infine, viene dato mandato al Servizio Veterinario della Asl di Avellino, di provvedere alla bonifica dell’intera area con le opportune modalità.
Non è la prima volta che si registrano questi episodi nella cittadina del Sabato come in via Pianodardine.
Intanto «non c’è giorno senza problemi» al canile municipale di contrada Valleverde che il comune vuole affidare con gara pubblica e gestito finora da anni, non senza difficoltà per carenze di fondi, dall’Aipa (Associazione Italiana Protezione Animale), sezione di Atripalda come scrive la presidente Angela Luongo su Facebook: «Noi non molliamo ed è completato è speriamo definitivamente la copertura box anche per il blocco wc. Il gelo spacca i tubi dell’acqua? Amedeo li ripara. Siamo collaudati».
L’Aipa gestisce il Canile Comunale dal 2003. Una struttura che ospita circa 150 cagnolini, fiore all’occhiello ed unica nell’intera provincia da un trentennio.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *