alpadesa
  
Flash news:   CAMPAGNA VACCINALE ANTI-COVID 19, DA DOMANI RICHIAMO A 30 GIORNI PER PFIZER E MODERNA Sosta urbana, in appalto l’acquisto di 38 parcometri e 600 sensori per calcolare i tempi di permanenza delle auto. Sarà automatizzato il parcheggio interrato della villa comunale Inquinamento valle del Sabato: domani conferenza stampa di Arpac e Comune a parco delle Acacie La Domus romana di Abellinum affonda tra l’erba alta, la denuncia dell’archeologa De Simone. Foto Sinistra Italiana Atripalda denuncia: “il centro vaccinale a scartamento ridotto” Scuola: i genitori degli alunni della “Pascoli” scrivono a sindaco e al ds per avere chiarimenti sull’ imminente trasferimento del plesso Parte la manutenzione del verde pubblico ad Atripalda dopo le proteste social: da lunedì taglio delle erbacce ad Alvanite Ritrovamenti archeologici ad Atripalda, Barbaro (FdI): «il ministro Franceschini intervenga per la messa in sicurezza dei beni e per la loro valorizzazione» L’Emporio Solidale apre nel Convento di via Cammarota di Atripalda: parte l’avviso pubblico per la selezione dei beneficiari Scuola, i genitori ringraziano l’Amministrazione e il dirigente scolastico per la ripresa dei servizi trasporto e refezione

Un mese senza il dottor Emilio De Vito, oggi la messa del trigesimo

Pubblicato in data: 1/2/2021 alle ore:22:56 • Categoria: Cronaca

Un mese senza il dottor Emilio De Vito, oggi la messa del trigesimo. Presso la chiesa del Carmine, don Ranieri Picone, questo pomeriggio ha ricordato nell’omelia la figura del dottor De Vito, scomparso a 84 anni.

“Sentitemi vicino e parlatemi ancora. Io vi amerò dal Cielo così come vi ho amato sulla terra”. In tanti in queste settimane si sono voluti stringere intorno al dolore della moglie Carmela D’Agostino, dei figli Luca, Daniele e Gerardo, della cognata Liliana Maresca e dei nipotini Chiara ed Emilio.

Il dottor De Vito, ex dirigente dell’Ispettorato forestale di Avellino era molto legato ad Atripalda e partecipava con molto interesse alla vita politica.

Grazie al suo impegno si deve il riconoscimento Docg per il Fiano, il Greco e il Taurasi, contribuendo così al prestigio vitivinicolo dell’Itpinia.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *