marted� 16 luglio 2024
Flash news:   Madonna del Carmelo, niente festa civile quest’anno ad Atripalda Sospiro di sollievo ad Atripalda: Roberto ritrovato a Napoli Sabato presentazione del nuovo libro di Andrea Perciato Sabato 27 luglio allo stadio Partenio–Lombardi secondo Memorial “Sandro Criscitiello” Dolore ad Atripalda per la scomparsa dell’ex consigliere Emilio Moschella: lunedì i funerali Due 30enni atripaldesi accusati di resistenza a pubblico ufficiale in concorso: uno evita il processo  e l’altro viene condannato a 9 mesi di reclusione Maratona dles Dolomite, la prima volta del team Eco Evolution Bike Dal 12 luglio scatta il ritiro nel comune di San Gregorio Magno Comune di Avellino, il discorso d’insediamento del sindaco Laura Nargi: “Sarò al fianco di tutti” 49enne residente ad Atripalda rinviato a giudizio per maltrattamenti nei confronti della moglie e della figlia minore

Incendio ad Alvanite, il Prc accusa: “Quando mancano le parole…”

Pubblicato in data: 6/2/2021 alle ore:13:38 • Categoria: Politica, Prc

Se non si trattasse di un’immagine retorica abusata,  diremmo che il sindaco G. Spagnuolo, nella vicenda dell’ incendio alla sede dell’associazione culturale ”Alvanite”, ha osservato un assordante silenzio: giusto qualche storta e stentata sillaba di circostanza, e nulla più. Niente presenza sul posto (né  sua né, a quel che è dato sapere, dei suoi assessori, così solerti in genere nell’ informare la cittadinanza via social sulle loro attività  anche minute), a differenza di quanto, peraltro doverosamente,  fatto in occasione di altri recenti  episodi di violenza. Perché  questa disparità di atteggiamento? Esistono forse –  vien da pensare – dei bersagli di violenza di “serie B”, non meritevoli di una solidarietà piena e calorosa? Perché oggi tanta freddezza? Il sindaco sa forse cose che noi non sappiamo? Oppure perché, più verosimilmente,  l’associazione “Alvanite” nel recente passato si è  espressa in maniera critica nei confronti dell’attuale amministrazione, denunciandone l’ inerzia al cospetto dello stato di abbandono del quartiere e della pericolosa fatiscenza degli edifici e rivelandosi una spina nel fianco del suo torpore? Oppure ancora, semplicemente, perché  ciò  che accade oltre il perimetro del centro urbano a G. Spagnuolo e soci  non interessa affatto?

A questo punto è  tanto più  necessario che la solidarietà non espressa con le parole arrivi al più  presto attraverso fatti concludenti, assegnando senza indugio una nuova sede all’ associazione e, più in generale, rilanciando un processo di partecipazione (uno dei tanti nervi scoperti di questa amministrazione), che passi per la ricostituzione del comitato di quartiere. E, soprattutto, cominciando a comportarsi,  rispetto alle enormi problematiche di Contrada Alvanite e di tutte le periferie cittadine, con quella serietà finora completamente assente.

 

Luigi Caputo – PRC Atripalda

Comitato Politico Provinciale Federazione PRC Avellino

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *