Flash news:   Lavori di ricostruzione scuola media Masi, l’assessore Labate replica: “da Abc solo falsità” Ad Atripalda è “Baraonda”: l’Amministrazione ha presentato il cartellone degli eventi estivi Il team Eco Evolution Bike in ciclo tour dall’Irpinia alla penisola sorrentina Lavori di ricostruzione scuola media Masi, Abc all’attacco: «vigileremo su ogni euro speso, i nostri figli non sanno ancora dove andare» Lavori di ricostruzione scuola media Masi, il sindaco cambia le decisioni prese dall’ex primo cittadino: bocciati i moduli prefabbricati per le aule Indennità di Giunta, l’ex vicesindaco Anna Nazzaro: «come assessori non adeguandoci i compensi abbiamo lasciato nelle casse comunali circa 170mila euro» Presidente del Consiglio comunale: il sindaco Spagnuolo avvia l’iter Indennità di giunta, il vicesindaco Mimmo Landi: «l’ex sindaco la percepiva intera. Attacchi populisti» Indennità di giunta, l’ex assessore Palladino all’attacco: «Avevamo questa possibilità da gennaio e non l’abbiamo fatto» Il Consiglio comunale di Atripalda in seduta balneare e a tempo scaduto approva la salvaguardia degli equilibri di bilancio

Censimento del Patrimonio Arboreo di Atripalda: la catalogazione partita da piazza Umberto

Pubblicato in data: 16/2/2021 alle ore:14:31 • Categoria: Attualità, Comune

Parte il Censimento del Patrimonio Arboreo ad Atripalda. Con l’apposizione di targhette sui lecci di piazza Umberto I ha preso il via lo screening degli alberi cittadini per ottenere un quadro completo e generale per ogni esemplare presente sul territorio comunale in modo da consentire di individuare gli interventi realizzati, da realizzare e i loro costi da inserire in un Piano di intervento pluriennale. Una decisione voluta dall’Amministrazione Spagnuolo che punta ad una gestione puntuale delle alberature urbane e ad un monitoraggio delle condizioni di salute e di stabilità degli alberi.
«Consapevoli che il patrimonio arboreo è una ricchezza da tutelare, quest’amministrazione comunale sta pianificando una serie di interventi che costituiscono il punto di partenza per la redazione del Piano del Verde – illustra la consigliera comunale delegata al Verde pubblico, Anna De Venezia -. L’obiettivo è quello di creare un sistema informatico che possa costituire una fonte di conoscenza, mettendo a disposizione informazioni sul numero, posizione geografica e dimensioni degli spazi verdi urbani. E’ uno strumento di monitoraggio che consente il controllo sul piano patrimoniale, gestionale e ambientale, da cui si possono trarre importanti indicazioni secondo le  specie arboree impiegate a diverse condizioni ambientali per la pianificazione delle future piantagioni e interventi di manutenzione. Infatti il sistema informatico permette di individuare le possibilità di espansione della vegetazione urbana ed è  uno strumento utilizzabile per la gestione e nella destinazione delle risorse economiche».

Prime ad essere censite le specie arboree presenti in piazza Umberto I, sui cui tronchi sono state apposte delle specifiche targhette di colore nero e numerazione bianca. Il numero di ogni pianta è associato ad una scheda che identifica l’albero riportando le caratteristiche biometriche dello stesso (diametro, altezza, posizione e altro.) e gli interventi su di essa praticati nel tempo. «L’insieme di questi elementi andranno a far parte del sistema informatico che andremo a creare, consultabile dai cittadini» prosegue la De Venezia. «Dai primi dati si può evincere che in piazza Umberto I dimorano 40 alberi e dalla scheda dell’albero n°1, che è ubicato guardando la Dogana dei Grani a destra dell’ingresso, lo stesso ha un’altezza di ml. 4.30 e un diametro ml.0.30. Ultimo intervento una potatura di contenimento nel 2020. Gli alberi e il verde sono fondamentali per il nostro equilibrio psico-fisico, pertanto dobbiamo cercare di curarlo con interventi mirati, gestendo al meglio le risorse economiche a disposizione. Ogni albero ed ogni area verde, in questa piccola città avrà il suo spazio, la giusta importanza, e la giusta attenzione anche agli interventi praticati per tenerlo in salute e preservarlo per le future generazioni».
Infine la delegata al Verde pubblico sul cedro ubicato all’interno dello storico giardino di Palazzo Caracciolo conclude: «l’albero è e rimane “monumentale”, annoverato nell’elenco del 1982 redatto da Corpo Forestale dello Stato pubblicato sul sito del Mipaaf ed è sottoposto a Vincolo della Soprintendenza ai Beni Culturali al pari di un monumento».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.