Flash news:   Coronavirus, sono 5 gli attuali positivi ad Atripalda “Estate…in ludoteca”, voucher comunali in regalo a trenta bambini: le domande scadono domani Black out elettrici: oggi nuova interruzione fino alle 18 e scoppia la protesta. Commercianti del centro pronti ad adire le vie legali Ripristino servizi urbani di trasporto nei giorni festivi sulla linea Atripalda-Avellino-Mercogliano, Prc: “vittoria dei cittadini, ora si potenzino le corse domenicali” Debito fuori bilancio per gli espropri del Centro Pmi, al via il pagamento della quarta rata Usura ed estorsione ad Atripalda, agli arresti domiciliari due persone di 50 e 32anni: prestavano denaro con interessi fino al 180% Inquinamento, linea dura del sindaco Spagnuolo: divieto di bruciare residui vegetali o altro materiale fino a settembre Open Day Pfizer dell’Asl di Avellino per martedì 22 giugno presso tutti i Centri Vaccinali irpini Punti Vaccinale di Atripalda, iniezioni a rilento: bufera politica su Spagnuolo. Sinistra Italiana chiede le dimissioni: “troppi ritardi nella campagna” Fiori, piante e taglio erbacce per abbellire di Atripalda: la città riscopre il pollice verde. Foto

Piano di Gestione Forestale per valorizzare il Parco San Gregorio di Atripalda, aggiudicato per 46mila euro il taglio e la vendita del materiale legnoso

Pubblicato in data: 18/2/2021 alle ore:08:00 • Categoria: Attualità, Comune

Aggiudicata l’asta pubblica per il taglio e la vendita del materiale legnoso “in piedi” ubicato nel “Parco San Gregorio” di proprietà del Comune del Sabato. Entra nel vivo il Piano di Valorizzazione dell’ex Pineta Sessa dopo la conclusione del censimento degli alberi del grande polmone verde che sovrasta la città.
Si è aggiudicata l’acquisto del materiale legnoso la ditta “Stoppiello  Srls di Stoppiello Ciriaco “ di Volturata Irpino, presentando l’offerta  di 45.760,00 euro oltre iva e oneri accessori. Ben cinque le offerte che erano giunte a Palazzo di città.
«Certamente mi ritengo soddisfatto dell’aggiudicazione dopo un lungo iter burocratico – commenta il consigliere di maggioranza delegato all’Ambiente, Costantino Pesca –. Il parco pubblico può rappresentare una grande occasione per Atripalda e gli atripaldesi, sia come luogo di socializzazione ma anche come rilancio del territorio. Sotto il profilo politico invece sono molto contento che il parco sia tornato agli onori della cronaca e al centro del dibattito pubblico. Infatti abbiamo approvato atti importanti anche in seno al Consiglio comunale e portato a termine tutto l’iter che ha portato alla nascita del Parco Avventura nel 2019, grazie all’impegno di due giovani che ne hanno fatto un autentico fiore all’occhiello per la città e i comuni limitrofi. Insomma quello che prima poteva sembrare un problema in termini di gestione oggi si presenta come una grande opportunità che merita certamente di essere colta sia dalla parte politica che dalla cittadinanza tutta. L’augurio è di continuare in questa direzione nel corso degli anni con serietà, impegno e programmazione».
Un Progetto di taglio approvato dalla Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo e redatto dall’agronomo Erminio Luce. Si procederà all’abbattimento degli alberi pericolanti in base alla verifica effettuata dall’agronomo. L’importo incassato dall’asta pubblica sarà reinvestito per valorizzare e rendere più fruibile il parco»
Il Piano di gestione Forestale, approvato con decreto dirigenziale della Regione Campania nel gennaio scorso, è un documento tecnico a validità pluriennale (10 anni) con il quale vengono definiti gli obiettivi che si vogliono perseguire nel medio periodo. E’ stato redatto secondo quanto previsto dal nuovo Regolamento Regionale Forestale.
L’area a verde di parco San Gregorio è costituita prevalentemente da conifere (Pini, cipressi, cedri e altro) in una fase di senescenza. La diretta conseguenza di tale invecchiamento e le instabilità a cui tali esemplari vanno incontro, questo perché essendo specie alloctone tipiche del Nord-Europa mal si adattano alle condizioni pedo-climatiche. Infatti all’interno del Parco si possono osservare numerosi esemplari secchi, numerose specie attaccate da parassiti, senza considerare che le conifere sono piante potenzialmente infiammabili proprio per le loro caratteristiche (produzione di resina). Con il piano si andrà a favorire all’interno del Parco lo sviluppo e la colonizzazione delle specie autoctone (querce, castagni, carpini).
Ora con l’aggiudicazione dell’asta si potrà proseguire ad un taglio selettivo a carico delle conifere. Da questo intervento di taglio, il Comune, attraverso la vendita del materiale legnoso, incasserà oltre 45mila euro reinvestendoli sul Parco per aumentarne la fruibilità dello stesso.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *