sabato 23 ottobre 2021
Flash news:   Il Comune impegna 270mila euro per riqualificare piazzetta Padre Pio e il parcheggio pubblico di via Gramsci ad Atripalda Covid 19, due nuovi contagi ad Atripalda La Giunta estende il servizio mensa ad una sezione della Primaria della “De Amicis-Masi” di Atripalda Detenzione abusiva di armi: assolti quattro atripaldesi Il sindaco Giuseppe Spagnuolo si avvicina al Pd: «guardo con interesse a questa fase di ripartenza e ricostruzione dei Dem. La tradizione popolare è confluita quasi totalmente lì» Il Tribunale di Avellino ha assolto l’assessore Stefania Urciuoli Ciclo escursionismo, dalla verde Irpinia all’azzurro del mare della litoranea salentina Successo per il concerto della pianista atripaldese Antonella De Vinco a Sofia Plesso scolastico Nicola Adamo di Atripalda: disposte nuove analisi geologiche Scattano da domani i divieti di sosta in piazzetta Pergola e in via Aversa ad Atripalda

Cavalcavia pericoloso a contrada Novesoldi ad Atripalda: scattano le segnalazioni sui social

Pubblicato in data: 23/2/2021 alle ore:10:38 • Categoria: Cronaca

Cavalcavia eroso e pericoloso, scatta la segnalazione dei cittadini sui social ad Atripalda. Il viadotto della Variante 7 bis, ubicato a contrada Novesoldi, finisce sotto osservazione e il timore e le paure dei residenti. La segnalazione di infrastrutture che mostrano i segni del tempo, dopo la tragedia di Genova, arriva con tanto di foto, e messaggi di preoccupazioni sulla pagina Facebook di “sei di Atripalda se” suscitando un confronto e la condivisione della scarsa manutenzione e di quella che sembra essere una pericolosa erosione che sta interessando il ponte in questione. Il cavalcavia, sul quale transitano le corsie della Variante 7 bis, fa parte della strada che collega la cittadina del Sabato con i comuni limitrofi di Cesinali ed Aiello.
I residenti denunciano la presenza di vistosi ferri usciti fuori dal cemento e chiedono le autorità competenti, l’Anas in questo caso, di effettuare dei controlli e poi lavori per la messa in sicurezza prima che si possano registrare dei pericolosi distacchi di intonaco e di pezzi di cemento che possano arrecare danno alle auto e persone in transito nella zona.
Da anni piovono segnalazioni in città sullo stato dei viadotti, sempre legati al transito della Variante 7 bis lungo il centro cittadino. Cavalcavia che sono mangiati dal tempo, dall’acqua e dal vento. Il tutto documentato da immagini.
Lo scorso anno ad essere interessato da un intervento di messa in sicurezza è stato il cavalcavia lungo via Ferrovia. Qui più volte Anas, Vigili del Fuoco e Polizia municipale negli anni passati erano stati allertati  dai residenti. Da qui le verifiche tecniche sulla struttura di via Ferrovia dove in più punti il cemento era venuto via esponendo l’armatura in ferro all’azione della ruggine e degli agenti atmosferici. Più volte in passato si erano verificati distacchi di intonaco.
Dopo le verifiche l’Anas lo scorso anno ha eseguito l’intervento di messa in sicurezza del viadotto, divenuto nel tempo anche discarica a cielo aperto di rifiuti di ogni genere. Un intervento che ha interessato per alcune settimane il ponte, effettuato senza dover procedere alla chiusura dell’arteria. E lo stesso tipo di intervento ora i residenti di contrada Novesoldi confidano sul viadotto pericoloso.
L’Anas sta già operando, sempre in territorio atripaldese, per interventi di messa in sicurezza al sottopassaggio del Raccordo autostradale Avellino-Salerno. Via Gangi, la vecchia strada che collega via Nicola Adamo con contrada Alvanite, finita più volte al centro della cronaca locale per i rifiuti abbandonati lungo i bordi della stradina prima del sottopassaggio al raccordo autostradale, è schiusa al traffico proprio per consentire l’intervento.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *