domenica 25 luglio 2021
Flash news:   Coronavirus, torna il contagio ad Atripalda: un residente positivo Ripulita la fontana in piazza Umberto e rimesso in funzione l’impianto di irrigazione. Foto Taglio del nastro ieri sera del “Parco Elio Parziale”, il dottor Sabino Aquino: «uno spazio di aggregazione, oasi di divertimento e interazione». L’impegno del vicesindaco Anna Nazzaro:«Auspico entro l’anno di intitolare l’Istituto comprensivo a lui». Foto Il prefetto e la dirigente regionale della Protezione civile premiano i volontari. Spena: «in una comunità bisogna essere coesi e guardare ai più fragili». Foto Dolore e commozione nella chiesa madre di Atripalda ai funerali di Gennaro Marena. Foto Addio a Gennaro Marena, lettera del comitato festa San Sabino: “la città di Atripalda perde un pezzo della sua storia” Sabato i biancoverdi partiranno per il ritiro di Roccaraso «Parco Elio Parziale», stasera l’inaugurazione dell’area a verde dedicata al compianto direttore: sarà aperto alle associazioni. FOTO Coronavirus, il prefetto Spena ad Atripalda per la consegna di civiche benemerenze ai volontari impegnati nella pandemia Istituto Comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda, dal primo settembre la nuova dirigente scolastica è Antonella Ambrosone

Ex Sala consiliare di Atripalda, l’Amministrazione sfratta l’associazione Cambia-Menti

Pubblicato in data: 11/3/2021 alle ore:20:39 • Categoria: Attualità

Questa mattina ci è stato notificato un invito a rimuovere qualunque suppellettile o altro materiale dal locale dell’Officina. Ci sono stati dati 3 giorni per ottemperare, altrimenti l’Ufficio Manutenzione e Patrimonio del Comune di Atripalda provvederà, tramite ditta specializzata, allo smaltimento degli stessi, con addebito delle relative spese. Tutto ciò, nel pieno dell’Ordinanza del Ministro della Salute che istituisce la zona rossa per la Regione Campania.

Siamo sorpresi e dispiaciuti da tale provvedimento, tra l’altro notificatoci senza alcun preavviso informale, ed è questo l’aspetto che ci intristisce più di tutto, dato il rapporto di collaborazione e di dialogo che l’Associazione ha sempre coltivato con l’Amministrazione comunale di Atripalda.

Decisamente una pessima notizia, soprattutto arrivata alla vigilia del quarto anniversario di “#SpaziAperti: benvenuti in Officina”. Infatti, l’11 marzo del 2017 inauguravamo la nostra Officina, promettendoci che da quel giorno sarebbe diventato lo spazio di tutti, in cui ciascuno potesse sentirsi libero di realizzare le proprie idee; oggi, 11 marzo 2021, quello stesso spazio chiude le porte.

Ovviamente, siamo consapevoli della piena legittimità del provvedimento, ma ne contestiamo le modalità.

Pertanto, chiediamo la possibilità di avere una proroga dei tempi previsti dalla notifica per permetterci di organizzarci al meglio, data l’imposizione della zona rossa; inoltre chiediamo all’Amministrazione di indicarci un locale in cui poter riporre il materiale che andremo a rimuovere, dato il poco preavviso.

Ma la cosa che ci preme maggiormente conoscere è il futuro dell’Officina. Ora chiediamo risposte…l’Officina verrà riaffidata a “Cambia-Menti” come punto di riferimento delle realtà associative?

Ci teniamo a ricordare come, nel solo 2019, oltre 20 realtà tra collettivi e associazioni hanno usufruito dell’ex sala consiliare, non solo per eventi sporadici, sotto la gestione di “Cambia-Menti”, permettendo ad oltre 2000 giovani di poter usufruire di un importante spazio di aggregazione.

Ci rattrista pensare di dover terminare in maniera così brusca questo meraviglioso viaggio di oltre 5 anni, che ha visto oltre 50 eventi organizzati e la presenza di artisti poi diventati famosissimi, come Gazzelle e il gruppo de “Lo Stato Sociale”.

Il tempo dell’attesa è terminato. Ora basta! Cambia-Menti non ci sta! (ancora una volta)

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *