alpadesa
  
domenica 18 aprile 2021
Flash news:   Coronavirus, nuovo contagio al Comune di Atripalda: UTC chiuso per una settimana Coronavirus, boom di contagi ad Atripalda: 10 positivi nel comune del Sabato Ricorsi multe autovelox, il Comune ingaggia un legale esterno per la difesa. Il sindaco: “per il 2020 gli incassi sono stati superiori alle previsioni di bilancio di 4 milioni di euro“ Editoria, l’avvocato atripaldese Angelo Maietta nominato consigliere del Sottosegretario Moles Armi e munizioni clandestine, carte di credito e cellulari: blitz dei Carabinieri di Atripalda a contrada Alvanite. Un arresto e tre denunce. Foto Piazzetta Padre Pio ancora off-limits tra degrado e abbandono, proteste social ad Atripalda Rinvenimento strutture murarie di epoca romana in via Appia, si amplia l’indagine. Il sindaco Spagnuolo: «bisogna capire se la tutela di quello che c’è nel sottosuolo e della sua valenza è compatibile con il prosieguo dei lavori» Contagio al Comune di Atripalda, il sindaco Spagnuolo: “già da lunedì il Municipio è in piena sicurezza” Rinvenimento strutture murarie di epoca romana in via Appia, la Soprintendenza sospende i lavori nel cantiere Due centraline anti smog ad Atripalda: la prima installata in via Roma da Idea e la seconda a Parco delle Acacie dall’Arpac su richiesta del Comune

Certificazione Isee non veritiera: processo da rifare per una 45enne atripaldese

Pubblicato in data: 22/3/2021 alle ore:16:09 • Categoria: Cronaca

Una donna di  Atripalda di 45 anni è comparsa dinanzi al Giudice Monocratico del Tribunale Penale di Avellino, dottor Argenio, con l’accusa di aver prodotto, nel settembre 2018, in un giudizio civile instaurato dinanzi al Tribunale di Avellino una certificazione ISEE non veritiera. La donna , difatti, citò in giudizio il suo ex compagno per ottenere l’assegno di mantenimento  a favore del loro figlio minore. Nel ricorso, proposto al Giudice Pellecchia del Tribunale Civile, la donna aveva dichiarato di versare in condizioni economiche disagiate e di possedere un ISEE relativo all’anno 2017 pari a poco meno di 400 €, omettendo di dichiarare il reddito da lavoro relativo all’altro figlio maggiorenne con lei convivente. Dopo  accertamenti eseguiti dalla guardia di finanza di Avellino, da una informativa del gennaio 2019, emerse, invece, un reddito effettivo percepito, relativo all’anno 2017, pari a circa 13mila euro. La 45enne fu cosi deferita alla Procura della Repubblica di Avellino per  il reato di false attestazioni. In fase di indagini preliminari, il Sostituto Procuratore della Repubblica di Avellino dott. Del Mauro aveva,però, formulato  richiesta di archiviazione, sostenendo che ci fosse stato  un errore nella compilazione della dichiarazione ISEE, senza dolo da parte della  signora. Ma il GIP del Tribunale  di Avellino,dott. Ciccone, respingendo la richiesta di archiviazione, aveva disposto la imputazione coatta a carico della donna , chiedendo il processo per la stessa. I  difensori  della 45enne, G. De Vinco e S. Rotondi, nella udienza del 15 marzo 2021, hanno  sollevato una questione procedurale,eccependo al Giudice Argenio il mancato esercizio dell’azione penale  mediante il rito ordinario che prevede la udienza preliminare ex art. 550 terzo comma c.p.p. Per il reato contestato alla imputata  è prevista una pena di 5 anni di reclusione e secondo il codice di procedura  penale , per tali tipi di reati occorre celebrare l’udienza preliminare. La signora atripaldese, invece, è stata citata direttamente dinanzi al Giudice del dibattimento. Il Gudice Argenio, al termine dell’ udienza,ha emesso una  ordinanza con cui  ha disposto  la restituzione di tutti gli atti del fascicolo alla Procura della Repubblica di Avellino, non potendo procedere oltre.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *