Flash news:   Straripamento al Ponte delle Filande, l’Amministrazione Spagnuolo: “Mai visti mezzi in azione il giorno stesso dell’esondazione”. Foto Notte di San Lorenzo al parco archeologico di Abellinum Maltempo, straripa il Fenestrelle all’altezza del Ponte delle Filande: contrada Fellitto allagata e strada chiusa L’Amministrazione punta ad aggiornare l’albo delle associazioni presenti in città La Mantide della Brianza ha truffato anche un 71enne di Atripalda I volontari della Protezione civile di Atripalda in campo la domenica in piazza Umberto I come presidio di sicurezza: parla la delegata Maria Fasano Covid 19, due decessi al Moscati: morta una paziente di 80 anni di Atripalda Lavori di ricostruzione scuola media Masi, l’assessore Labate replica: “da Abc solo falsità” Ad Atripalda è “Baraonda”: l’Amministrazione ha presentato il cartellone degli eventi estivi Il team Eco Evolution Bike in ciclo tour dall’Irpinia alla penisola sorrentina

Rinvenimento strutture murarie di epoca romana in via Appia, si amplia l’indagine. Il sindaco Spagnuolo: «bisogna capire se la tutela di quello che c’è nel sottosuolo e della sua valenza è compatibile con il prosieguo dei lavori»

Pubblicato in data: 15/4/2021 alle ore:10:27 • Categoria: Attualità

«Che vi sia la presenza dell’anfiteatro romano in quella zona le mappe lo conformano. E’ un dato abbastanza acquisito nel tempo anche per quello rinvenuto sul lato opposto, anche se bisogna tenere conto di quello che è stato distrutto con la costruzione della Variante. Il problema è capire se ci sono strutture tali, e di un grado di conservazione da essere rilevanti, secondo l’organo di tutela, e da dover essere riportate alla luce». A parlare è il sindaco Giuseppe Spagnuolo che ha presentato richiesta alla Soprintendenza «di essere messi a conoscenza di provvedimenti definitivi della valutazione di merito. Vogliamo avere piena cognizione della rilevanza di quello che è venuto fuori dal sottosuolo e di quello che si sta svolgendo. Siamo in una fase di attesa e di valutazione e tutto questo, con la sospensione dei lavori e le ulteriori indagini, garantiscono un’eventuale tutela di quello che si cela nel sottosuolo in quella zona».
Il primo cittadino ripercorre tutti i passaggi «c’è stata una richiesta di intervento di ristrutturazione di un impianto di carburanti già esistente lungo la statale via Appia e questa intervento è stato sottoposto ad una valutazione preliminare della Soprintendenza. Su lavori di questo tipo, dove vi è la conoscenza di una preesistenza nel sottosuolo, i lavori sono eseguiti con la presenza costante di un archeologo e nel caso in cui venga fuori, come accaduto, qualcosa di rilevante, i lavori vengono sospesi su disposizione dell’archeologo e dello stesso direttore dei lavori e comunicati con relazione alla Soprintendenza. Questo è quello che è successo ed i lavori sono ora sospesi in via Appia. Un intervento che prevedeva la sostituzione di strutture preesistenti ed una serie di ammodernamenti. Ora ci saranno ulteriori approfondimenti». Su eventuali delocalizzazioni del distributore il sindaco conclude: «bisogna capire se la tutela di quello che c’è nel sottosuolo e della sua valenza è compatibile con il prosieguo dei lavori».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.