alpadesa
  
Flash news:   CAMPAGNA VACCINALE ANTI-COVID 19, DA DOMANI RICHIAMO A 30 GIORNI PER PFIZER E MODERNA Sosta urbana, in appalto l’acquisto di 38 parcometri e 600 sensori per calcolare i tempi di permanenza delle auto. Sarà automatizzato il parcheggio interrato della villa comunale Inquinamento valle del Sabato: domani conferenza stampa di Arpac e Comune a parco delle Acacie La Domus romana di Abellinum affonda tra l’erba alta, la denuncia dell’archeologa De Simone. Foto Sinistra Italiana Atripalda denuncia: “il centro vaccinale a scartamento ridotto” Scuola: i genitori degli alunni della “Pascoli” scrivono a sindaco e al ds per avere chiarimenti sull’ imminente trasferimento del plesso Parte la manutenzione del verde pubblico ad Atripalda dopo le proteste social: da lunedì taglio delle erbacce ad Alvanite Ritrovamenti archeologici ad Atripalda, Barbaro (FdI): «il ministro Franceschini intervenga per la messa in sicurezza dei beni e per la loro valorizzazione» L’Emporio Solidale apre nel Convento di via Cammarota di Atripalda: parte l’avviso pubblico per la selezione dei beneficiari Scuola, i genitori ringraziano l’Amministrazione e il dirigente scolastico per la ripresa dei servizi trasporto e refezione

Ciclismo, il team Eco Evolution bike presenta il grimpeur Armando Adolfo Rodia

Pubblicato in data: 24/4/2021 alle ore:10:47 • Categoria: Ciclismo, Sport

Sono i più amati, seguiti e inseguiti. I ciclisti che scelgono solo, e soltanto di fuggire, salire e scalare, procedere sempre all’insù, senza mai guardarsi alle spalle, piaccia o no, la differenza la fanno sempre loro: gli scalatori. Di chi stiamo parlando? Adolfo Armando Rodia, fratello minore di Marco Alejandro, nato a San Juan (Venezuela) ma residente a Canale di Serino. Nato nel 72’, settanta chilogrammi per 178 cm d’altezza. Numeri che dicono tutto sulle sue doti di grimpeur, e come per la maggior parte dei ciclisti sud americani le sue doti non potevano essere che di scalatore. Il suo punto di forza è anche l’accelerazione in progressione che gli permette di essere competitivo anche su percorsi piatti. Un corridore completo, non solo forte in salita e sul passo ma anche dotato di un discreto spunto veloce. Per chi ha poca dimestichezza con le due ruote, è bene rilevare che si trattano di numeri che dicono già tanto: fisicità, tenacia, doti naturali indispensabili per questa disciplina. Nel ciclismo è risaputo che è uno degli sport al limite della forza fisica, eppure, la maggioranza dei corridori danno l’anima in sella alla bici pedalando con il freddo, pioggia, vento, insomma non conoscono avversità di ogni genere. Ad Adolfo impegno e spirito di sacrificio non mancano e l’ha dimostrato in questi primi sei anni di militanza nel team A.S. Civitas fino al 2020, per poi passare da quest’anno al news team atripaldese Eco Evolution Bike con la carica di socio fondatore e consigliere. C’è tanta voglia di tornare alla normalità e alle competizioni, Adolfo non vede l’ora di attaccarsi il numero sulla maglietta e dare sfogo a colpi di pedale in sella alla sua specialissima.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *