Flash news:   Scattano da domani i divieti di sosta in piazzetta Pergola e in via Aversa ad Atripalda. Sale la protesta dei residenti della palazzina comunale di via Fiumitello ad Atripalda Incendio a Pianodardine, Antonio Prezioso (Fdi): “il sindaco Spagnuolo si attivi presso l’Arpac” Nuova segnaletica per le strade di Atripalda, aggiudicata la gara Sette offerte per la costruzione della nuova scuola media “Masi” di Atripalda In fiamme nella notte deposito di autoarticolati di un’azienda di trasporti a Pianodardine. Foto Degrado fontana in piazza Umberto I, le accuse del consigliere comunale Francesco Mazzariello Viabilità e parco ad Atripalda, interventi per la messa in sicurezza Covid 19, allarme ad Atripalda: ancora un nuovo contagio Campetto di contrada Ischia, aperto il cantiere

Multe da autovelox, l’esperto in sicurezza stradale Cerullo accusa: ”strumento solo per fare cassa e non prevenzione”

Pubblicato in data: 26/4/2021 alle ore:11:50 • Categoria: Attualità

«L’autovelox installato lungo la Variante 7bis serve solo al Comune di Atripalda per fare cassa e non ad aumentare la sicurezza stradale in quel tratto».
Mentre il Comune del Sabato si affida ad un legale esterno per fronteggiare la mole di ricorsi relativi alle multe elevate dalla colonnina elettronica ma registra incassi che si aggirano per oltre 4 milioni di euro annui, Domenico Cerullo, pedagogista ed esperto in sicurezza stradale e promotore nel novembre del 2003, insieme alla redazione de Il Mattino di Avellino, Questura di Avellino, Azienda Ospedaliera Moscati e Unione Industriale di Avellino del primo semaforo per non vedenti installato nel capoluogo in via Tagliamento, interviene sulla questione.
«Già la Federcontribuenti, nell’aprile 2019, denuncia che le Amministrazioni locali installano gli autovelox dolo per sanare i propri bilanci e non per la sicurezza degli automobilisti. L’autovelox  non rappresenta un intervento educativo per sensibilizzare gli automobilisti sul tema della sicurezza stradale». Secondo Cerullo bisogna invece puntare sulle campagne di sensibilizzazione «la repressione non porta a nulla. E poi gli incidenti non avvengono solo per il superamento del limite di velocità. Molte auto invece circolano con gomme usurate per cui sarebbe meglio intensificare i controlli da parte degli agenti della polizia municipale. I battistrada delle auto non sono rispondenti alle norme. Meglio i controlli preventivi anche con l’etilometro. Se i comuni ci tengono alla sicurezza devono puntare non solo sull’autovelox ma su dei controlli preventivi delle forze dell’ordine».
L’assenza di un progetto educativo e non solo sanzionatorio è secondo Cerullo motivo che fa pensare che gli autovelox servano solo per risanare i conti in rosso dei comuni «le sanzioni devono essere reinvestite sui processi educativi e sull’ammodernamento della segnaletica. Abbiamo ancora segnaletica stradale nei comuni irpini dove si dice ”rallentare uscita ragazzi” quando quell’edificio scolastico casomai non esiste più perché è stato soppresso. Questo fa capire l’attenzione dell’ente locale per il territorio mentre dovrebbe  effettuare delle indagini per verificare la pericolosità o meno di alcune arterie stradali rispetto ad altre».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 risposte a “Multe da autovelox, l’esperto in sicurezza stradale Cerullo accusa: ”strumento solo per fare cassa e non prevenzione””

  1. Franco ha detto:

    Bravissimo Cerullo. Finalmente parole fuori dal coro da un educaatore intelligente.

  2. Carbone ERMELINDA ha detto:

    Il prof. Cerullo ha colto nel segno. È indubbio che l’educazione stradale mirata sia la soluzione del problema.. prevenzione e non repressione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *