domenica 25 luglio 2021
Flash news:   Coronavirus, torna il contagio ad Atripalda: un residente positivo Ripulita la fontana in piazza Umberto e rimesso in funzione l’impianto di irrigazione. Foto Taglio del nastro ieri sera del “Parco Elio Parziale”, il dottor Sabino Aquino: «uno spazio di aggregazione, oasi di divertimento e interazione». L’impegno del vicesindaco Anna Nazzaro:«Auspico entro l’anno di intitolare l’Istituto comprensivo a lui». Foto Il prefetto e la dirigente regionale della Protezione civile premiano i volontari. Spena: «in una comunità bisogna essere coesi e guardare ai più fragili». Foto Dolore e commozione nella chiesa madre di Atripalda ai funerali di Gennaro Marena. Foto Addio a Gennaro Marena, lettera del comitato festa San Sabino: “la città di Atripalda perde un pezzo della sua storia” Sabato i biancoverdi partiranno per il ritiro di Roccaraso «Parco Elio Parziale», stasera l’inaugurazione dell’area a verde dedicata al compianto direttore: sarà aperto alle associazioni. FOTO Coronavirus, il prefetto Spena ad Atripalda per la consegna di civiche benemerenze ai volontari impegnati nella pandemia Istituto Comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda, dal primo settembre la nuova dirigente scolastica è Antonella Ambrosone

Erba alta tra le palazzine di Alvanite ad Atripalda: scatta la protesta sui social per la contrada periferica abbandonata

Pubblicato in data: 5/5/2021 alle ore:09:36 • Categoria: Attualità

Erba alta tra le palazzine di Alvanite ad Atripalda, scatta la protesta sui social per la contrada periferica abbandonata.
La denuncia e l’indignazione arriva ancora una volta via social. Sulla pagina Facebook del gruppo “Abc – Atripalda bene Comune”, con tanto di foto allegata, Sonia Capaldo scrive: «Erba altissima i bambini quasi non si vedono più….. Queste le condizioni a Contrada Alvanite! E il comune che fa? Dorme! ».
Una nuova e vibrante denuncia sullo stato di abbandono in cui versa il popoloso quartiere della città. E non mancano i commenti di sdegno per l’immagine che ritrae  due bambini che giocano tra l’erba alta  che circonda gli edifici.
Più volte negli anni passati il quartiere è stato ripulito dai volontari grazie alle giornate ecologiche.
Ma i problemi del quartiere non si fermano qui. Mini discariche abusive ovunque, palazzine che attendono ancora la messa in sicurezza dopo il distacco di calcinacci e marmi dai balconi avvenuto mesi fa, tegole saltate dai tetti che mettono in serio pericolo l’incolumità delle tantissime famiglie che vivono in questo pezzo della città. Gli abitanti delle 17 palazzine comunali, costruite nel posto sisma dell’80, attendono risposte anche sulla sicurezza degli edifici dopo la petizione dello scorso anno che ha visto raccolte 150 firme per chiedere all’Amministrazione che venisse fatta una verifica sulla staticità degli edifici e venga effettuata una manutenzione ordinaria. Ferri che escono fuori dal cemento, infiltrazioni di acqua in tutte le case, grondaie e coperture dei tetti da rifare attendono ancora una risposta.
Il problema delle erbacce alte è avvertito anche in molti altri punti, dal centro della cittadina del Sabato alla periferia atripaldese. Lamentele dei residenti giungono da via Appia, dove i cittadini del quartiere denunciano lo stato di abbandono in cui versano i marciapiedi tra erba alta e topi.
Erbacce anche in via San Lorenzo e a contrada Santissimo lungo la pista ciclabile che costeggia il fiume Sabato utilizzata ogni giorno da tanti appassionati di running.
Manutenzione attendono anche le rotatorie cittadine e l’erba della aiuole di piazza Umberto I.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *