domenica 23 gennaio 2022
Flash news:   Pnrr, il Consorzio A5 di Atripalda lancia la campagna di ascolto del territorio “Cantiere Idee“ In Irpinia positive al Covid 542 persone: 15 residenti nel comune di Atripalda Passaggio a livello di via Appia: riunione tra Comune, Rfi e Regione Campania. Spagnuolo: “scelta la nostra proposta, sarà realizzato un ponte sopraelevato” Soppressione passaggio a livello di via Appia, Petracca: “risultato concreto, cosi siamo al fianco dei territori” Covid-19 nuovo aggiornamento, 513 positivi in Irpinia: 18 residenti nel comune di Atripalda Spagnuolo: «l’ex sindaco lasciò in regalo alla città un Comune sull’orlo del dissesto» Addio al professore Sabino Di Paolo, dolore in città Assunzioni al Comune di Atripalda, l’affondo di Paolo Spagnuolo: «solo annunci roboanti» Covid 19, 563 contagi in Irpinia: 11 residenti nel comune di Atripalda Verso le amministrative ad Atripalda, il Comitato Abc candida a sindaco Nunzia Battista: «la città sta degradando, vogliamo dare un’opportunità alle nuove generazioni»

La Domus romana di Abellinum affonda tra l’erba alta, la denuncia dell’archeologa De Simone. Foto

Pubblicato in data: 11/5/2021 alle ore:11:00 • Categoria: Attualità

Erba alta tra le antiche mura della Domus romana nel parco archeologico di Abellinum ad Atripalda. Degrado ed erbacce ricoprono da tempo l’area archeologica di via Manfredi. La Soprintendenza, che garantisce l’apertura quotidiana del parco, non ha purtroppo i fondi necessari per gli interventi di pulizia. Anni fa a mantenere il parco nel decoro per i numerosi turisti ci pensava un ditta esterna incaricata dal Ministero dei Beni Culturali. Poi i fondi sono stati tagliati e il personale dirotto altrove.
Negli anni passati il Comune ha provveduto a ripulire l’area a verde per consentire la riapertura al pubblico, ma il parco archeologico è molto vasta e richiederebbe una manutenzione continua anche per salvaguardare lo stato di conservazione degli affreschi sui muri, che attendono anche una manutenzione. Affreschi che possono essere seriamente compromessi dalle sterpaglie, che crescono in ogni crepa, con il rischio di sbriciolarsi, come dalla caduta di alberi.
«Il parco archeologico dell’antica Abellinum versa in un degrado tale da non permettere l’apertura del sito in sicurezza – denunci la dottoressa Pierina De Simone,  archeologa e vice presidente dell’associazione “Velecha” -. Dopo tanti mesi di chiusura dovuti all’emergenza sanitaria, uno spazio all’aperto dove è possibile passeggiate assaporando la nostra storia, dovrebbe essere una scelta prioritaria. Mi auguro che chi di competenza si attivi in tempi brevissimi per la restituzione del nostro patrimonio alla comunità atripaldese e non solo». Dopo le abbondanti piogge dei mesi scorsi un intervento di ripulitura si rende necessario visto che il parco è interessato anche dal progetto che unisce il Comune del Sabato, la Sopraintendenza Archeologica di Salerno e Avellino e il Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale dell’Università degli Studi di Salerno.
Tra le erbacce anche le necropoli romana di Capo La Torre che versa nelle stesse condizioni.
Intanto si attendono notizie dalla Soprintendenza anche per l’indagine archeologica che sta conducendo su via Appia, dove dai lavori di ammodernamento di un distributore di benzina sono emerse antiche mura di un anfiteatro romano risalente al I secolo a.C.
Dopo l’ampiamento dell’area di scavo, i reperti affiorati alla luce sono stati coperti con dei teli per proteggerli. «Al momento non si hanno notizie delle decisioni prese in seguito al ritrovamento delle strutture murarie che potrebbero afferire all’anfiteatro già individuato negli anni passati» conclude l’archeologa Pierina De Simone.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *