Flash news:   Rendiconto 2020, Paolo Spagnuolo attacca: «il sindaco nasconde i fallimenti con un comizio elettorale». Foto – Parte 2 Rendiconto approvato, il sindaco Spagnuolo: «Abbiamo risanato le finanze con risultati ampiamente positivi». Foto – Parte 1 Concerto “Fairy Guitar Quartet” sabato sera nella suggestiva cornice del parco archeologico di Abellinum Campetto di contrada Ischia, affidati i lavori: scatta il divieto di sosta Stasera in Consiglio il Rendiconto in chiave autovelox: il Prc chiede le dimissioni dell’assessore Urciuoli Coronavirus, primo caso di positività alla scuola Primaria di Atripalda: classe in Dad Incidente mortale sul Raccordo Av-Sa, muore autotrasportatore. Chiuso al traffico il tratto Atripalda-Serino. Foto Festeggiamenti San Sabino, il monito del Vescovo Aiello: “attenti ai trasformismi” e don Fabio: “il Santo metta il sale in testa ai candidati alle amministrative”. Foto Viabilità ad Atripalda, intervento per la messa in sicurezza delle strade e di parco Acacie Scuola media “Masi”, indetta la gara da 4,5 milioni di euro per l’antisismica

Sosta urbana, in appalto l’acquisto di 38 parcometri e 600 sensori per calcolare i tempi di permanenza delle auto. Sarà automatizzato il parcheggio interrato della villa comunale

Pubblicato in data: 11/5/2021 alle ore:18:02 • Categoria: Attualità

Pronto il bando per l’acquisto di 38 parcometri di ultima generazione con seicento sensori per gli stalli di rilevazione delle aree parcheggio libere o occupate.
E’ stato pubblicata ieri all’albo del Comune del Sabato, a firma del Comandante della Polizia municipale, il capitano Domenico Giannetta, funzionario responsabile del III Settore di Palazzo di città, la determina a contrarre per indizione della gara a procedura aperta, tramite la Centrale Unica di Committenza Valle del Sabato, per l’affidamento della fornitura e posa in opera di parcometri, segnaletica di indicazione con software di gestione, licenza di centralizzazione e relativo servizio di manutenzione ed assistenza.
tecnica e anche automazione del parcheggio della villa comunale di piazza Sparavigna. Un appalto che sfiora il milione di euro, più esattamente un impegno di spesa  di 780.000,00 euro oltre iva al 22% pari a 171.300,00 per un importo complessivo di 951.600,00 euro.
Un «rivoluzione nel mondo della sosta ad Atripalda» come anticipato dall’assessore delegato al Traffico Mirko Musto con la quale si procederà alla rimozione di tutti gli attuali venti parcometri e l’acquisto di 38 colonnine di ultima generazione per gestione le aree di sosta a pagamento con sensori e indicatori che comunicheranno in tempo reale su cartelloni a led la disponibilità e l’ubicazione dei posti liberi per le auto.
Il pagamento dei ticket per la sosta della auto potrà avvenire non solo con moneta ma anche con bancomat, carte di credito o cellulare che faranno parte di un moderno sistema di gestione del parcheggio pubblico atripaldese in grado di implementare l’utilizzazione delle aree di sosta attraverso il posizionamento di sensori per i singoli posti auto collegati a sette totem informativi da collocare lungo il territorio comunale per indicare agli automobilisti in transito gli stalli liberi e migliorare anche il controllo da parte dei vigilini. I totem saranno installati in via Pianodardine, via Manfredi, piazza Umberto I, via Roma, rotatoria della Maddalena, via Appia e via Aversa. I 38 parcometri saranno così ubicati invece: 2 in via Aversa, 2 in via Santi Sabino e Romolo, due lungo via Fiume, altri due in via Gramsci e due infine in via Vittorio De Caprariis. Quattro parcometri invece in piazza Umberto, in via Roma, via Manfredi e piazza Leopoldo Cassese. Ben dieci invece saranno posizionati lungo via Appia. Infine un parcometro per via Pianodardine e uno per piazza Giovanni XXIII.
«Non solo avremo dei parcometri di ultima generazione ma la vera rivoluzione sarà rappresentata dai sensori di cui sarà dotato ogni stallo. Seicento in tutto i sensori disseminati sul territorio comunale saranno gestiti da una piattaforma per cui gli ausiliari del traffico non dovranno più andare a controllare auto per auto se è stato pagato il ticket ma saranno avvisati se su quella sosta è stato effettuato o meno il pagamento» anticipa Musto. Questo progetto riguarderà non solo la sosta a pagamento ma anche la gestione delle strisce bianche.
La città sarà suddivisa in tre cerchi virtuali: gli stalli con strisce bianche e poi quelli con il disco orario e infine le aree blu a pagamento, quest’ultime dotate di sensori. Resterà il primo quarto d’ora gratuito con il costo di 50 centesimi all’ora per la sosta.
Il progetto voluto dall’Amministrazione guidata dal sindaco Giuseppe Spagnuolo prevede anche l’ampliamento delle strisce blu lungo via Appia con il pagamento, in via sperimentale, su ambo i lati del tratto che va dalla rotatoria della Maddalena di via Roma fino al passaggio a livello, nei pressi dell’imbocco per il raccordo autostradale Avellino-Salerno. Nel nuovo tratto saranno applicate le stesse tariffe in vigore già in altro zone del territorio comunale. La nuova area a pagamento sarà ricompresa nella Zona 4 per la quale i residenti e i titolari delle attività produttive potranno richiedere la stipula delle convenzioni.
Anche il parcheggio interrato della villa comunale che si affaccia su via Circumvallazione, con 30 posti auto, sarà automatizzato con l’installazione di una colonnina d’ingresso e d’uscita con sbarra, cassa continua automatica per il pagamento del ticket e quattro telecamere per la lettura, all’ingresso e all’uscita, delle targhe delle auto.
Un progetto che si va ad aggiungere a quello dell’imminente installazione di sei colonnine per la ricarica delle auto elettriche. Le sei colonnine saranno dislocate sul territorio comunale: due in via Vittorio De Caprariis, adiacente al parcheggio di via Scandone, altre due in piazza Alpini Orta, nel parcheggio retrostante il mercatino rionale e infine le ultime due colonnine saranno collocate nel parcheggio di via San Lorenzo.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *