Flash news:   Usura ed estorsione ad Atripalda, agli arresti domiciliari due persone di 50 e 32anni: prestavano denaro con interessi fino al 180% Inquinamento, linea dura del sindaco Spagnuolo: divieto di bruciare residui vegetali o altro materiale fino a settembre Open Day Pfizer dell’Asl di Avellino per martedì 22 giugno presso tutti i Centri Vaccinali irpini Punti Vaccinale di Atripalda, iniezioni a rilento: bufera politica su Spagnuolo. Sinistra Italiana chiede le dimissioni: “troppi ritardi nella campagna” Fiori, piante e taglio erbacce per abbellire di Atripalda: la città riscopre il pollice verde. Foto Il Piano dei giovani di Idea Atripalda: “una comunità energetica e di autoconsumo collettivo” L’Us Avellino riparte da Braglia e Di Somma Air, ripristinati da domenica i servizi urbani di trasporto nei giorni festivi sulla linea Atripalda-Avellino-Mercogliano Emporio Solidale di Atripalda, ieri il taglio del nastro. Don Fabio: “nuova dignità alle famiglie”. Il sindaco: “Doveroso dare risposte alle domande di auto”. FOTO Conferenza Episcopale Italiana: “restano vigenti le disposizioni anti Covid: sospese processioni e festa esterna”

Lavori al fiume Sabato, rimosse la transenne sui ponti che attraversano il centro città. Antonacci: “impresa pronta a chiudere il primo lotto”

Pubblicato in data: 16/5/2021 alle ore:10:05 • Categoria: Attualità

Rimosse le transenne in ferro con teli rotti collocate sui ponti che attraversano il fiume Sabato ad Atripalda.
La ditta ha provveduto nei giorni corsi alla rimozione dei parapetti in ferro posti a protezione del cantiere di riqualificazione del corso d’acqua sui due ponti ubicati nei pressi di piazza Umberto.
«L’impresa ha rimosso le reti di protezioni in ferro sui due ponti perché in quei tratti si sono conclusi i lavori – spiega il delegato ai Lavori Pubblici Salvatore Antonacci -. La ditta sta continuando a lavorare e a completare la parte del rivestimento in pietra viva all’interno del fiume, in attesa che parta il secondo lotto».
Lavori di rinaturalizzazione che proseguono però da mesi a rilento. Un intervento, finanziato dalla Provincia di Avellino nell’alveo fluviale cittadino che va avanti a singhiozzo e che nei mesi scorsi ha sollevato non poche polemiche in città.
«Il secondo lotto prevede lo spostamento delle ringhiere a protezione del corso d’acqua, il nuovo impianto d’illuminazione e il rifacimento dei marciapiedi – prosegue Antonacci -. Quelle transenne non servivano più visto che i getti di calcestruzzo sono stati ultimati. Per cui non c’era più la necessità di mantenerle lungo i due ponti».
Palazzo di città ora è in attesa che arrivi la comunicazione da Palazzo Caracciolo circa l’avvio del secondo lotto «sappiamo che avverrà nel più breve tempo possibile – assicura Antonacci -e ci è stata garantita la continuità tra la fine del primo lotto e l’inizio di quello successivo».
Le transenne lungo i ponti, erano ricoperte da teli bianchi a protezione del cantiere, ma con le intemperie i teli erano diventati lunghi stracci bianchi indecorosi e anche pericolosi perché ostruivano la visuale ai conducenti delle auto nei pressi degli incroci lungo i due ponti.  Più di una volta quei tratti stradali sono stati teatri di gravi incindenti.
Una rimozione richiesta più volte in passato anche dall’opposizione di “Noi Atripalda” che ne aveva denunciato il degrado e la pericolosità.
L’intervento di sistemazione idraulica e riqualificazione ambientale del fiume Sabato è messo in campo dalla Provincia di Avellino con un investimento pari a 4.538.695,53 euro che punta a rinaturalizzare il corso d’acqua tra terrazzamenti d’ingegneria naturalistica e passeggiate sul fiume, mettendolo in sicurezza da possibili esondazioni.
Nel tratto di via Gramsci inoltre è quasi ultimata la realizzazione della passerella pedonale, un ponticello ciclopedonale di tipo strallato, con sei cavi in acciaio e struttura portante in cemento armato, largo 2,5 metri e lungo circa 10 metri, che consentirà, una volta inaugurato, il transito ai pedoni e alle biciclette tra via Roma e via Gramsci con la piazzetta di Vittorio Veneto dove c’è l’ingresso per la scuola elementare “De Amicis-Masi”.
E’ realizzato a spese di un privato, la ditta “L.R. Legno Srl” per un costo di circa 70mila euro.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *