Flash news:   Rendiconto approvato, il sindaco Spagnuolo: «Abbiamo risanato le finanze con risultati ampiamente positivi». Foto – Parte 1 Concerto “Fairy Guitar Quartet” sabato sera nella suggestiva cornice del parco archeologico di Abellinum Campetto di contrada Ischia, affidati i lavori: scatta il divieto di sosta Stasera in Consiglio il Rendiconto in chiave autovelox: il Prc chiede le dimissioni dell’assessore Urciuoli Coronavirus, primo caso di positività alla scuola Primaria di Atripalda: classe in Dad Incidente mortale sul Raccordo Av-Sa, muore autotrasportatore. Chiuso al traffico il tratto Atripalda-Serino. Foto Festeggiamenti San Sabino, il monito del Vescovo Aiello: “attenti ai trasformismi” e don Fabio: “il Santo metta il sale in testa ai candidati alle amministrative”. Foto Viabilità ad Atripalda, intervento per la messa in sicurezza delle strade e di parco Acacie Scuola media “Masi”, indetta la gara da 4,5 milioni di euro per l’antisismica L’appello dell’imprenditore Enzo Angiuoni alla Soprintendenza: «Fatemi restaurare lo Specus»

Idea Atripalda pungola ancora l’Amministrazione: “Villa e Casa della Cultura da riaprire”

Pubblicato in data: 18/5/2021 alle ore:13:39 • Categoria: Attualità, Comune

La biblioteca e la villa restano chiuse e non sappiamo ancora per quanto tempo.
Dopo il tavolo tenuto con l’Amministrazione a fine marzo, eravamo stati rassicurati su una prossima riapertura della biblioteca. Il sindaco si era sbilanciato promettendo il ripristino del servizio, stando a quanto riportato dalle testate locali, in 3 settimane, terminate il 12 Aprile. Da allora è trascorso un mese senza una chiara prospettiva. Infine avevamo protocollato un documento in cui ponevamo delle domande all’Amministrazione, chiedendo risposta formale ai 7 quesiti proposti, ma non abbiamo ricevuto risposta.

Sembra che la riapertura sia prossima, sempre secondo i giornali locali, ma ci chiediamo perché ancora una volta si è deciso di non comunicare con la città parlando in maniera franca ed illustrando il perché dei ritardi. Nella nostra visione politica, il coinvolgimento ed il dialogo con la comunità è prioritario; prendiamo atto che questa nostra idea non sia condivisa. Come abbiamo già avuto modo di dire, lo slogan del “fare e non comunicare” non ci sembra un’ottima scelta, a patto che qualcosa si stia davvero facendo, perché genera malcontento e poca trasparenza su alcune vicende.

Eravamo preoccupati per la biblioteca e per la villa, perché luoghi fondamentali per la nostra cittadina. Ora siamo un pò stanchi, ma continueremo a richiedere una riapertura celere ed un investimento culturale e sociale su quei luoghi.

Il 20 Maggio saranno trascorsi 500 giorni dalla chiusura della biblioteca, e ci auguriamo di non dover “festeggiare” questo triste traguardo. Speriamo, piuttosto, di poter ritirare un libro.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *