Flash news:   Rendiconto approvato, il sindaco Spagnuolo: «Abbiamo risanato le finanze con risultati ampiamente positivi». Foto – Parte 1 Concerto “Fairy Guitar Quartet” sabato sera nella suggestiva cornice del parco archeologico di Abellinum Campetto di contrada Ischia, affidati i lavori: scatta il divieto di sosta Stasera in Consiglio il Rendiconto in chiave autovelox: il Prc chiede le dimissioni dell’assessore Urciuoli Coronavirus, primo caso di positività alla scuola Primaria di Atripalda: classe in Dad Incidente mortale sul Raccordo Av-Sa, muore autotrasportatore. Chiuso al traffico il tratto Atripalda-Serino. Foto Festeggiamenti San Sabino, il monito del Vescovo Aiello: “attenti ai trasformismi” e don Fabio: “il Santo metta il sale in testa ai candidati alle amministrative”. Foto Viabilità ad Atripalda, intervento per la messa in sicurezza delle strade e di parco Acacie Scuola media “Masi”, indetta la gara da 4,5 milioni di euro per l’antisismica L’appello dell’imprenditore Enzo Angiuoni alla Soprintendenza: «Fatemi restaurare lo Specus»

Metro leggera, Atripalda e Mercogliano dicono no all’installazione dei pali come Avellino

Pubblicato in data: 1/6/2021 alle ore:11:56 • Categoria: Attualità

Atripalda e Mercogliano bocciano l’installazione dei pali per la Metro leggera. Sì invece ad un ragionamento comune sulla mobilità ma no ai pali sul proprio territorio comunale come quelli installati nel capoluogo irpino e mai entrati in funzione.
Mentre il comune di Avellino punta tutto sull’estensione ai due comuni dell’hinterland della metropolitana leggera, accedendo a nuovi fondi, per farla definitivamente partire, entambi i primi cittadini, al quotidiano Il Mattino, chiariscono: “Abbiamo già 15 anni fa bocciato il sistema dei pali e certamente non lo riproporremo oggi – afferma il sindaco di Atripalda-. Certo non siamo chiusi rispetto ad una soluzione che possa migliorare il sistema in una direzione ecosostenibile”.
Sulla stessa posizione il sindaco di Mercogliano: “I famosi pali non ci piacciono ma siamo disposti a ragionare se si tratta di impegnarci per ridurre L’impatto ambientale”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *