Flash news:   Verso le Amministrative 2022, nasce il comitato civico “Dna Atripalda” Rapina al Tabacchi di via Aversa, cresce la paura in città. Renzulli: “chiediamo più sicurezza e il potenziamento della stazione dei Carabinieri” Lutto Carmine Gaita, il cordoglio di AtripaldaNews Parcometri, è scontro in città: l’opposizione accusa: «Le priorità sono altre, 933mila euro sperperati» Stadio comunale, Idea Atripalda: “bisogna prendersi cura del patrimonio che si ha a disposizione” Ciclismo, il team Eco Evolution Bike presenta le nuove divise Torna il “Cinema in Piazzetta” di Laika, stasera prima proiezione con “Frankenstein Junior” Rapina nel primo pomeriggio al Tabacchi di via Aversa ad Atripalda: portato via l’incasso Pallonate volanti e comportamenti incivili in piazza Umberto: scattano i controlli dei vigili urbani e con la videosorveglianza le sanzioni Palazzo Caracciolo, ripuliti i giardini dell’antica dimora per consentire visite guidate e concerti all’aperto. Foto

Inquinamento, linea dura del sindaco Spagnuolo: divieto di bruciare residui vegetali o altro materiale fino a settembre

Pubblicato in data: 21/6/2021 alle ore:12:50 • Categoria: Attualità, Comune

Divieto di bruciare residui vegetali o altro materiale. Fino al prossimo 20 settembre sarà vietato sul territorio comunale di Atripalda dare fuoco a materiali di qualsiasi tipologia e natura. La nuova ordinanza, con in calce la firma del primo cittadino Geppino Spagnuolo, segue l’installazione della centralina dell’Arpac a Parco delle Acacie. Un’ordinanza simile era stata già adottata negli anni scorsi. Ora arriva il nuovo stop che durerà oltre tre mesi fino a fine settembre. Il divieto riguarderà l’abbruciamento di residui vegetali in zona agricola. Sanzioni amministrative per i trasgressori con il pagamento di una somma non inferiore a 1.032,00 euro e non superiore a 10.329,00 euro. Al corpo del Comando dei Vigili Urbani e a tutte le forze dell’ordine il compito di «un controllo per la corretta applicazione dell’ordinanza – scrive il primo cittadino – relativamente alla bruciatura di biomasse, di vegetali e loro residui  o di altri materiali connessi all’esercizio delle attività agricole nei terreni agricoli, anche se incolti, negli orti, giardini, parchi pubblici e privati, nonché la combustione di residui vegetali forestali». Ordinanza trasmessa a Prefettura di Avellino, Asl di Avellino, Arpac Avellino, Stazione Carabinieri Atripalda;

Comando Carabinieri Forestali di Avellino ed infine Comando Polizia Municipale di Atripalda.
Fino a settembre è fatto divieto assoluto di bruciatura di vegetali, loro residui o altri materiali connessi all’esercizio delle attività agricole nei terreni agricoli, anche se incolti, degli orti, parchi e giardini pubblici e privati, nonché la combustione di residui vegetali forestali. Inoltre divieto di gettare dai veicoli in movimento mozziconi di sigarette sulle strade. «Altresi a tutti i proprietari, conduttori, detentori a qualsiasi titolo di aree confinanti con strade, boschi, abitazioni sparse, centri urbani, strutture turistiche-artigianali e industriali, di provvedere con decorrenza immediata: alla rimozione dai terreni, per una fascia non inferiore a 50 metri dalle strade e dai complessi edificati, ogni residuo vegetale o qualsiasi materiale che possa favorire l’innesco di incendi e la propagazione del fuoco; al decespugliamento laterale lungo le strade (in corrispondenza di strade principali che attraversano comprensori boscati a maggior rischio di incendio, infiammabilità delle specie, esposizione, accumulo di sostanza organica, aree di sosta turistiche) da effettuare, con mezzi manuali e meccanici, mediante la ripulitura laterale delle strade dalla copertura erbacea ed arbustiva per una fascia variabile tra i 5 ed i 50 metri; al decespugliamento laterale ai boschi (lungo il perimetro di aree boscate, va creata una fascia di rispetto, priva di vegetazione, tale da ritardare o impedire il propagarsi degli incendi); i concessionari di impianti esterni di GPL e gasolio, in serbatoi fissi per uso domestico o commerciale hanno l’obbligo di mantenere sgombra e priva di vegetazione !’area circostante al serbatoio per un raggio non inferiore a m 6, fatte salve disposizioni che impongono maggiori distanze».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *